Soccorrevano un paziente in crisi respiratoria

Grosseto, medico e infermieri di un’ambulanza aggrediti dagli automobilisti: «Bloccate il traffico!»

di Redazione - - Cronaca, Primo piano

Stampa Stampa
A Montepescali (Grosseto) aggredito il personale di un'ambulanza

A Montepescali (Grosseto) aggredito il personale di un’ambulanza

GROSSETO – Un medico e alcuni infermieri del 118 sono stati insultati e aggrediti da automobilisti inferociti mentre erano in servizio per un intervento di soccorso a Montepescali, giovedì 4 febbraio. La loro «colpa»? Aver fermato l’ambulanza in strada, e di conseguenza bloccato il traffico, per una ventina di minuti circa.

Al termine del soccorso a un paziente con una crisi respiratoria, quando gli operatori del 118 sono tornati al mezzo di emergenza, si sono trovati di fronte tre auto con a bordo alcune persone, tra cui anche una madre con un bambino, che alla vista dei soccorritori hanno iniziato a offendere e perfino a tirare oggetti perché la strada era rimasta bloccata.

«L’aggressione di cui sono stati vittima i sanitari e il volontario di servizio sull’ambulanza del 118 è un episodio che denota un’assoluta mancanza di senso civico e di rispetto verso gli altri: rispetto per chi in quel momento aveva bisogno di soccorso e per chi gli stava prestando assistenza – ha detto il direttore generale della Usl Toscana Sud-Est, Enrico Desideri -. I medici e il volontario stavano facendo il loro dovere, peraltro su un codice giallo e su una paziente con difficoltà di mobilizzazione e trasporto, che richiedeva la presenza di tutto l’equipaggio all’interno dell’abitazione e la massima vicinanza possibile dell’ambulanza. Il comportamento tenuto da alcuni automobilisti è inaccettabile ed è nostra intenzione agire di conseguenza».

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.