Emergenza in Toscana

Empoli, meningite: in rianimazione un anziano di Ponte a Egola. A San Mniato incontro pubblico con Asl e sindaco

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Meningite, quinto caso a Empoli

Meningite, è allarme in Toscana

EMPOLI – Si susseguono senza sosta i nuovi casi di meningite in Toscana. Un uomo di 75 anni di Ponte a Egola è ricoverato in rianimazione all’ospedale San Giuseppe di Empoli dal pomeriggio di venerdì 5 febbraio, dopo aver contratto un’infezione del ceppo C.

Secondo quanto spiega la Asl le condizioni dell’anziano sono «gravi, anche se stabili». La profilassi antibiotica è già stata avviata dall’Azienda sanitaria che, stamani, ha deciso di effettuare anche una profilassi mirata, visto che il 75enne era un assiduo frequentatore del circolo «Il Sughero», a San Miniato Basso (Pisa).

Qui, questa sera, alle 21, sarà presente il direttore del Dipartimento prevenzione della Asl, Gabriele Massai, insieme agli operatori e al sindaco di San Miniato Vittorio Gabbanini, per dare tutte le informazioni e procedere con la profilassi che stamani, invece, può essere effettuata nei locali dell’ex direzione dell’Asl 11 – via dei Cappuccini 79, a Empoli – e nel pomeriggio presso la guardia medica di San Miniato.

Col caso dell’anziano di Ponte a Egola ancora una volta la meningite di tipo C, la più frequente per gli adulti, ha colpito in una zona già messa a dura prova lo scorso anno: l’area fra l’Empolese-Valdelsa, San Miniato e il Valdarno inferiore.

Finora sono 10 i casi di meningite che si sono verificati nel 2016 in tutta la Toscana, la grande maggionza da meningococco C. Nel 2015 si sono registrati 38 casi: 31 ceppo C, 5 ceppo B, 1 ceppo W, 1 non tipizzato. Le morti dall’inizio del 2015 sono 9, di cui 2 nel 2016: 8 riconducibili al gruppo C, 1 al gruppo B. Al 31 dicembre 2015, dall’inizio della campagna straordinaria risultano vaccinate in Toscana 229.373 persone.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.