A settembre i lavori. Stanziati 2 milioni e mezzo

Firenze, progetto della nuova piazza delle Cure: mercato, parcheggi, zone pedonali

di Camillo Cipriani - - Cronaca

Stampa Stampa

cure

FIRENZE – Il progetto per la nuova piazza delle Cure va avanti. Sarà una piazza trasformata con più spazio per i pedoni anche sul lato opposto a quello che attualmente ospita il mercato.

PARCHEGGIO – Ci sarà un parcheggio a pagamento con 65 posti e una rotonda creata per snellire il traffico – sinceramente difficoltoso – fra Viale Volta e le vie Firenzuola, Sacchetti e Borghini.

LAVORI – L’Assessore Giorgetti ha annunciato, come riferito da Firenzepost, che i lavori inizieranno a settembre e i cantieri dureranno 1 anno. Lo stanziamento ammonta già a 2 milioni e mezzo di euro.

IL MERCATO – I banchi alimentari si sistemeranno sotto il “mercato delle erbe”, una grande tettoia in rame dotata di sei posteggi a uso degli ambulanti. Finito il mercato la pensilina resterà libera a disposizione del Quartiere per eventi e manifestazioni.

BANCARELLE – Nove bancarelle non food saranno sistemate accanto alla tettoia, mentre dall’altro lato della piazza, sfruttando gli spazi liberati dal traffico, nascerà la terza zona dello shopping ambulante.

EX ACQUEDOTTO – La prima tappa dei lavori prevede la demolizione dell’edificio dell’ex acquedotto per far posto al posteggio pubblico, con accesso dalla piazza. Resterà solo la facciata, che verrà inglobata nella tettoia in modo da costituire una “vetrina” per tre ambulanti.

PEDONI – I pedoni potranno giovarsi di attraversamenti più sicuri, utilizzando un percorso circolare grazie alla completa riorganizzazione delle zone con le strisce pedonali.

PANCHINE – Ci saranno anche le panchine due opere d’arte all’ingresso del sottopasso, dodici nuovi alberi, un fontanello d’acqua di alta qualità e anche moderni wc pubblici.

CASSONETTI – I cassonetti dei rifiuti spariranno con la realizzazione di due postazioni interrate per la raccolta differenziata.

La foto rende bene l’idea della nuova sistemazione, che sembrerebbe razionale e funzionale. Seguiremo comunque l’andamento della realizzazione, facendoci portavoce dei suggerimenti dei cittadini. Che sono invitati a fornire le loro osservazioni.

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Commenti (3)

  • Pierluigi

    |

    Seguo dal dopoguerra lo sviluppo delle infrastrutture fiorentine, a dir poco penoso: cito il viadotto di Varlungo, che doveva raggiungere il viale Verga, quasi in corrispondenza del centro tecnico federale del calcio, che termina da decenni nel viale Dalla Chiesa, alla faccia delle code.
    Quindi ho dei dubbi sui tempi previsti dal Comune per il termine dei lavori per le modifiche alla piazza,
    Faccio presente che anche il bravissimo Renzi, all’inizio del suo mandato di sindaco, era passato a promettere ciò che non è stato mantenuto.

    Rispondi

  • anna

    |

    non bastano le strisce pedonali di Via Borghini. il costante attraversamento dei pedoni, anche oltre le strisce, provoca continui rallentamenti che si ripercuotono sul flusso proveniente dalla Faentina. In quel punto è indispensabile un semaforo

    Rispondi

    • Pierluigi

      |

      Concordo pienamente con Anna.
      E’ inutile che i vigili, quando vengono, si mettano a fare solamente contravvenzioni alle auto; qualche contravvenzione ai pedoni, alcuni veramentre tracotanti, non ci starebbe male.

      Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.