A Pisa rubata una targa alla memoria

Toscana, Giorno del ricordo dei martiri delle foibe: seduta solenne del Consiglio regionale

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Politica

Stampa Stampa

Il-Consiglio-regionale-della-Toscana

FIRENZE – «L’Assemblea toscana, insieme ai rappresentanti delle istituzioni politiche, civili e militari, si stringe attorno a chi ha vissuto la tragedia delle foibe, a tutti coloro che hanno perso la vita e a quanti sono stati costretti ad abbandonare le loro terre». Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, aprendo la seduta solenne dell’Assemblea toscana dedicata al Giorno del ricordo, oggi 10 febbraio.

«Sarà nostro impegno non solo tenere alta la memoria di quei tragici eventi, ma anche far emergere la verità dalle nebbie della storia – ha continuato – perché ciò che è accaduto non avvenga mai più». Da qui il riferimento alla legge del 30 marzo 2004, istitutiva del Giorno del Ricordo, per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre di istriani, fiumani e dalmati, nel secondo dopoguerra, e della più complessa vicenda del confine orientale.

Giani ha spiegato che «oggi abbiamo tra noi una testimone della storia, la signora Adriana Navicello, che riuscì a rifugiarsi nella nostra città avendo sposato un ufficiale fiorentino e che vide sterminata gran parte della propria famiglia ma si salvò scappando, incinta di 8 mesi del suo primo figlio».

Vittime delle foibe

Vittime delle foibe

«Questa coraggiosa signora – ha detto ancora – che ha sempre rifiutato la platea, è simbolo di questa importante giornata, quindi anche monito e invito a parlare della tragedia delle foibe, vicenda per anni non sufficientemente considerata, ma che sta emergendo sempre più».

Un triste episodio, tuttavia, si è verificato a Pisa. Secondo quanto ha denunciato il capogruppo in Consiglio comunale della lista civica «Noi adesso Pisa», Maurizio Nerini, nella città della Torre è avvenuto il furto di una targa stradale in memoria dei Martiri delle Foibe. «E l’ennesimo atto di intolleranza e per questo chiedo un immediato intervento delle istituzioni affinché siano individuati e puniti i colpevoli» dice Nerini.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.