Sentenza più severa delle richieste del pm

Prato, 7 cinesi morirono nel rogo di un capannone. Condannati i proprietari italiani: 6 anni e 6 mesi di carcere

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Le vittime del rogo del Macrolotto

Le vittime del rogo al Macrolotto, morte il 1 dicembre 2013

PRATO – Giacomo e Massimo Pellegrini, i due fratelli pratesi proprietari del capannone dove all’alba del primo dicembre 2013 morirono bruciati in un incendio sette operai cinesi, sono stati condannati in primo grado a 6 anni e 6 mesi di reclusione.

La sentenza è stata pronunciata dal giudice Giulio Fanales che ha inflitto ai due una pena superiore a quella richiesta dal pubblico ministero, Lorenzo Gestri. Quest’ultimo aveva chiesto per ciascuno dei due fratelli una condanna a 4 anni e 10 mesi.

I reati per cui sono stati condannati i fratelli Pellegrini sono omicidio colposo plurimo e incendio colposo, mentre sono stati assolti dall’accusa lesioni aggravate.

«Questa è una sentenza paradigmatica – è il commento del procuratore capo di Prato, Giuseppe Nicolosi -: il principio affermato oggi è che i proprietari si debbano occupare di mettere in sicurezza i locali prima di affittarli».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.