Oggi alla Camera la discussione sulle mozioni relative alla normativa sul bail-in

Banche di credito cooperativo: difficoltà per la conversione del decreto. Dubbi di Alfano

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

BANCA CREDITO COOPERATIVO

ROMA – Non si preannuncia semplice la conversione in legge del decreto sulle Bcc. Il pomo della discordia è il tetto dei 200 milioni di patrimonio che consentirà ad alcuni istituti di non aderire alla holding bancaria: proteste su questo punto, che sarebbe stato inserito in extremis da palazzo Chigi, arrivano dall’opposizione e non solo, come dimostrano le perplessità espresse dal viceministro all’Economia, Enrico Zanetti.

ALFANO – Non resta sordo alle proteste il ministro degli Interni, Angelino Alfano, che promette ascolto alle associazioni e poi, dice, “se ne discuterà in Parlamento”. Il testo deve ancora essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ma il dibattito è molto caldo proprio sulla questione della soglia che, secondo il leghista Giancarlo Giorgetti, si configura come una norma “ad personam”, con la quale si offre una via d’uscita “ad alcuni istituti, magari territorialmente legati a chi sta a Palazzo Chigi”.

GIORGETTI – Il riferimento è a qualche banca toscana, ma Giorgetti assicura che non si tratta solo di quelle: “In generale – sostiene – non c’è nessuna logica nell’escluderne alcune e dirottarle verso il sistema spa, passando da un principio mutualistico a uno lucrativo e aprendo lo spazio a speculazioni che in questo momento il governo potrebbe risparmiarsi”.

BRUNETTA – Caustico il commento di Renato Brunetta (Forza Italia), che su Twitter osserva: “Neanche bravi a camuffare questi renziani. Luca Lotti non parla mai. In questi giorni invece iperattivo su Bcc. Gli stanno proprio a cuore…”.

TADDEI – Prova a spegnere la polemica il responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, che esclude “assolutamente” ‘favori’ alle banche toscane e sottolinea che “la riforma consente di affrancarsi dal sistema cooperativo e diventare Spa a tutti gli effetti. Ma in questo caso te ne assumi la responsabilità e sei chiamato a pagare un costo, il 20 per cento delle riserve indivisibili che si erano accumulate con i benefici fiscali. Tutto si tiene”. Anche Alfano taglia corto sulla vicenda Toscana: “Reputo ingiustificate – afferma – le polemiche contro Renzi su questo punto. Mi sembra un modo di provincializzare un dibattito che invece ci collega all’Europa. Sono contrario ad aprire fronte di scontro dentro il governo”.

TAJANI – Ma non sono solo i sospetti sulle vie d’uscita a destare l’allarme: “Le Bcc con più di 200 milioni di patrimonio – spiega infatti il vicepresidente del Parlamento europeo Antonio Tajani – possono diventare spa, invece di aderire al gruppo unico, affrancando le riserve con il pagamento di un’imposta. Per cui il patrimonio, oggi indivisibile, diventa patrimonio disponibile, e questo rischia di essere un aiuto di Stato”.

ZANETTI – Ribadisce le proprie perplessità sul tetto dei 200 milioni, che considera “arbitraria e non condivisibile”, anche Zanetti, perché l’obbligo della holding deve riguardare “tutti o nessuno”. La riforma, tuttavia, “è importante” perché c’è “l’esigenza oggettiva di un processo crescente di integrazione bancaria finalizzato a dare maggiori garanzie a investitori e risparmiatori”.

Oggi, intanto, banche al centro del dibattito anche nell’aula della Camera: in programma c’è la discussione sulle mozioni relative alla normativa sul bail-in, vale a dire il salvataggio interno di un istituto, a carico di azionisti, obbligazionisti e correntisti sopra i 100mila euro. Il Movimento 5 stelle chiede un rinvio al 2018, mentre i Conservatori e riformisti premono per una campagna informativa forte e, come extrema ratio, per uno slittamento di 18 mesi, al primo luglio. Come si vede procede con difficoltà il riassetto del mondo bancario portato avanti da Renzi, a cominciare dal salvataggio delle 4 banche, fra le quali Banca Etruria, nel cui Consiglio sedeva papà Boschi, per arrivare alla riorganizzazione delle Bcc, fra le quali il Banco di Cambiano, per la quale – a detta delle opposizioni – nutre particolare attenzione il sottosegretario Luca Lotti. Ma si andrà sicuramente avanti a spron battuto nonostante tutto, come sempre avviene per i provvedimenti  che interessano particolarmente il Governo.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.