La classifica di un Istituto specializzato

Lavoro: Italia all’ultimo posto in Europa per il salario d’ingresso dei giovani laureati

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

ROMA – Una conferma dalle ultime indagini internazionali del mercato del lavoro privato. Le retribuzioni d’ingresso dei lavoratori italiani sono le più basse d’Europa, mentre la Svizzera mantiene la prima posizione e nel Regno Unito scalano la classifica i middle manager. Non ci si deve meravigliare quindi se le ultime statistiche ci dicono che sono sempre più i nostri cervelli in fuga che emigrano verso altri lidi, in particolare in Inghilterra, in cerca di sistemazioni più soddisfacenti.

tabella

GLOBAL 50 – La conferma viene dall’indagine Global 50 Remuneration Planning Report di Willis Towers Watson, che svela dati alla mano che a livello europeo l’Italia rimane nelle ultime posizioni della classifica delle retribuzioni. Si tratta di dati medi e al lordo con particolare riguardo alle aziende medio-grandi.

PAESI – L’indagine confronta 15 paesi europei e vede, come da tempo accade, il nostro paese all’ultima posizione per quanto riguarda i salari d’ingresso dei professional, con una media di 27.400 euro (vedi tabella in alto). Guadagna, invece, una posizione per quanto riguarda le retribuzioni dei middle manager, posizionandosi all’11 posto, con una media che sfiora i 71 mila euro, seguita solo da Francia, Svezia, Finlandia e Spagna.

REGNO UNITO – Rispetto al 2015 il Regno Unito è il paese che ha registrato il progresso più forte piazzandosi al 4° posto per quanto riguarda i middle management e al 12° per gli entry level (nel 2014 era rispettivamente al 7° e al 13° posto). L’Italia, oltre ad essere il paese meno competitivo per le retribuzioni offerte ai neo-laureati, è staccato rispetto al penultimo posto (-12% rispetto alla Spagna) ed ancora di più dal “centro classifica” (-47% rispetto all’Olanda).

Nonostante i proclami di Renzi anche sotto questo aspetto siamo più vicini ai Paesi dell’Africa che all’Europa economicamente evoluta, e le riforme messe in piedi dal rottamatore non risolveranno certamente questo grave problema.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.