Oggi 23 febbraio

Pistoia, rappresentante di gioielli resiste ai banditi che lo rapinano: ferito

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Gioielli, preziosi, moniliPISTOIA – Si è opposto e ha resistito ai malviventi senza lasciarsi strappare di dosso la valigetta con gli oggetti di valore che aveva con sé. Protagonista un rappresentante di gioielli e oggetti preziosi, rapinato per strada nella mattina di oggi 23 febbraio a Borgo a Buggiano. I rapinatori, probabilmente armati di pistola, lo hanno aggredito, immobilizzato e percosso, procurandogli ferite alla testa, poi si sono dati alla fuga.

L’uomo, 58 anni, di Pescia, si è opposto con coraggio alla rapina a mano armata ed alla fine l’ha avuta vinta: i rapinatori sono fuggiti a mani vuote. Il rappresentante stamani verso le 9, mentre stava uscendo dal suo ufficio di Buggiano, è stato avvicinato da un uomo di circa 50 anni che indossava una divisa da guardia giurata, il quale, pistola in mano, gli ha intimato di consegnargli le due valigette che portava con sé. Il malvivente è riuscito a strappargli una delle due borse (l’altra è caduta a terra), ma il rappresentante ha reagito. A questo punto è intervenuto un complice, più giovane, che è sceso da una Fiat al cui volante c’era un terzo componente della banda.

In due, colpendo il 58enne alla testa con il calcio della pistola, sono riusciti a portare una valigetta con i gioielli all’interno dell’auto: ma il rappresentante non si è dato per vinto ed è entrato anche lui nell’abitacolo della vettura. Forse anche a causa della presenza di alcune persone, nei pressi era in svolgimento un mercato settimanale, i rapinatori, che hanno agito a volto scoperto, hanno quindi desistito e lasciato andare il rappresentante con il campionario di gioielli, dandosi alla fuga senza riuscire a rubare alcunché. L’auto, risultata rubata la scorsa settimana a Montecatini, è poi stata ritrovata nei dintorni. Il rappresentante di gioielli è stato trasportato all’ospedale di Pescia da un’ambulanza del 118 dove è stato medicato per le ferite alla testa.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.