Pranzo veloce o cena fuori casa

Ristoranti e trattorie: aumentano i clienti. Nel 2015 spesi 76 miliardi

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento

Stampa Stampa

Apericena

Almeno per qualche settore i consumi stanno aumentando. La gente comincia a uscire di casa e si reca nei locali a gustare le nostre specialità, i piatti tradizionali, lo street food o anche la cucina esotica. Si tratta comunque di un segnale positivo che attesta un primo, sia pure timidissimo, passo d’ uscita dalla crisi economica. La spesa degli italiani per mangiare fuori casa nel 2015 è salita a 76 miliardi, pari al 35% dei consumi alimentari nazionali (che ammontano a 220 miliardi di euro).

COLDIRETTI – Lo rivela un’analisi della Coldiretti che ci informa: la spesa in ristoranti, trattorie, agriturismi, mense, pizzerie o bar negli ultimi dieci anni è aumentata del 28%. Il pasto principale per più di sette persone su dieci viene consumato fra le mura domestiche ma la percentuale scende tra gli uomini di 35-44 anni a appena il 51% secondo l’Istat. Mangiare fuori casa può essere una necessità dettata dai ritmi del lavoro ma sempre più spesso è anche occasione di svago o della voglia di sperimentare nuovi modelli di cucina.

APERICENA – Si afferma sempre più l’apericena, ovvero il misto tra il rito dell’aperitivo e un pasto propriamente detto, di solito la cena, che è diventato in molte città un appuntamento alla moda per i giovani. A fare da apripista sono stati alcuni contesti del Nord ma la nuova formula si è andata diffondendo un po’ ovunque nel territorio nazionale anche grazie alla molteplicità di offerte messe a disposizione dei locali. Un modo, osserva la Coldiretti, non solo per assaggiare e imparare a conoscere i diversi tipi di vino di cui è particolarmente ricca l’Italia, ma anche per gustare formaggi, salumi, olive o anche semplicemente pizzette speciali, il tutto a costi contenuti.

Stare insieme e mangiare (e bere) bene, una moda che prende sempre più piede, soprattutto se si spende relativamente poco.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.