Supersfida all'Olimpico: in palio il terzo posto

Roma-Fiorentina (stasera, ore 20,45), viola contro i bookmaker. La rabbia di Zarate: Perisic solo ammonito! Il Barcellona vuole Sousa

di Ernesto Giusti - - Primo piano, Sport, Top News

Stampa Stampa
Ilicic e Borja Valero: sperano di potersi abbracciare per la gioia anche all'Olimpico

Ilicic e Borja Valero: sperano di potersi abbracciare per la gioia anche all’Olimpico

FIRENZE – C’è un convitato di pietra in Roma-Fiorentina di stasera (ore 20,45) all’Olimpico: Maurito Zarate. Al quale la commissione disciplinare ha confermato tutti e tre i turni di squalifica decisi dal giudice sportivo dopo lo scontro fisico con Murillo, alla fine di Fiorentina-Inter. Paulo Sousa non si era meravigliato del lungo stop. Motivo? La Fiorentina lassù in alto in classifica disturba. E la rabbia non è sbollita allo stesso Zarate. Anzi è aumentata dopo aver visto l’episodio di mercoledì sera in Inter-Juve di Coppa Italia: Perisic che prende per il collo Cuadrado. Il croato è stato soltanto ammonito. E lui, Zarate, è stato fermato per tre giornate per una situazione del tutto analoga. C’è giustizia in questo calcio?

ZARATE – «Ammonizione!!!!! se c’era qualche dubbio ora non c’è più!! Troppo evidente», ha scritto Zarate su twitter riferendosi con ironia all’episodio di Milano. Una vicenda che ha fatto infuriare sia Sousa che la società viola, anche alla luce del ricorso respinto. Però ora basta. Ora si gioca. Sousa ha raccomandato: a Roma bisognerà usare più la testa del cuore. Giusto. La Roma partirà a palla. Cercherà di chiudere la partita presto anche perché ha problemi in casa: la rottura fra Totti e l’allenatore Spalletti non è stata ancora sanata. Sugli spalti non ci saranno, almeno si dice, molti tifosi giallorossi. La Fiorentina dovrà giocare come sa: sfoderando il suo sontuoso possesso palla. Naturalmente stando attenta alle ripartenze velocissime di El Shaarawy e Salah.

SOUSA – Riguardo alla partita, è vero che le due squadre sono appaiate in classifica, a quota 53 punti, ma i bookmaker credono nella Roma. E danno poche chance alla Fiorentina. Tuttavia, Paulo Sousa l’ha presentata così la partita: «La Roma è avvantaggiata perché ha avuto due giorni in più per preparare questa partita, ma quanto a voglia ed energie noi siamo pronti per giocarcela e lottareper vincerla. Sarà una gara più decisiva per la Roma che per noi. Tra le prime sei squadre noi siamo gli intrusi. Le altre hanno il dovere di stare in alto, noi ci stiamo costruendo una grossa opportunità e visto dove siamo puntiamo a coglierla. Più che mai contro una diretta rivale come recita la classifica: servirà più testa che cuore. Con il Napoli, nel secondo tempo, abbiamo perso un po’ il controllo del gioco per troppo cuore. La testa aiuta aprendere le decisioni migliori. Fisicamente i ragazzi stanno bene, punterò sui più freschi per avere da subito un grande approccio».  A disturbare l’ambiente viola non mancano voci da Barcellona: che vorrebbero Paulo Sousa allenatore dei blaugrana dopo Luis Enrique. Lui si smarca. Non annuncia la formazione anti-Roma perché, come al solito, ha diversi dubbi: i maggiori riguardano Bernardeschi, Mati Fernandenz e Ilicic. Il primo ha avuto qualche contusione, Ilicic avuto un leggero fastidio ma è pronto. Escluso Benalouane stanno tutti bene, compreso Tatarusanu pur convivendo con un problema alla spalla. E la Roma? Spalletti punterà sui soliti. Sempre fuori Totti. Assai irritato. Per l’allenatore giallorosso, la Fiorentina è un’opera d’arte. Ma la Roma è un capolavoro. Magari riparliamone dopo la partita. Certo, se Sousa avesse avuto anche Zarate …

 

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.