Rimasta nella storia l'iniziativa di Teresa Mattei e Marisa Rodano

8 marzo 2016, festa della donna: la mimosa compie 70 anni. E dal 1946 le donne, in Italia, votano

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Primo piano

Stampa Stampa

mimosa

ROMA – La mimosa, simbolo della giornata internazionale della donna, appare per la prima volta l’8 marzo 1946. Compie così 70 anni questa tradizione che solo in Italia è ormai sinonimo di emancipazione delle donne. Quest’anno si celebrano anche i 70 anni del voto alle italiane. Infatti, il 10 marzo 1946, due giorni dopo l’8 marzo, quando si tornò a festeggiare in modo diffuso in tutta Italia questa giornata dopo la pausa imposta dal fascismo, le donne italiane votarono per la prima nella storia. Lo fecero in occasione delle elezioni amministrative.

«La scelta della mimosa – racconta Vittoria Tola, presidente dell’Udi (Unione donne in Italia) – è attribuita a Teresa Mattei e a Marisa Rodano. Con il primo 8 marzo dopo la guerra e il fascismo, e il voto solo due giorni dopo, il 10 marzo, a cui hanno partecipato per la prima volta anche le donne, l’Udi voleva regalare insieme ai volantini anche un fiore, così come avveniva in Francia con le violette. Ma i soldi per comprare e regalare fiori non ce n’erano. Roma però nei primi giorni di marzo era tappezzata di mimose, un fiore che cresce spontaneamente. Da qui probabilmente l’idea della mimosa, caratteristica di questo periodo dell’anno».

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.