Ennesima sconfitta degli azzurri

Empoli battuto anche a Genova (1-0). Il Genoa ringrazia Rigoni, autore del goal. Pagelle

di Redazione - - Cronaca, Sport

Stampa Stampa
Genoa_Empoli_

Esultanza dei rossoblù dopo il goal di Rigoni

GENOVA –  Trascinato da vecchi bucanieri della Serie A come Pandev, Cerci e Rigoni (autore della rete decisiva al 4′ della ripresa) il Genoa conquista tre punti preziosissimi in chiave salvezza contro l’Empoli e risponde alla vittoria del Frosinone sull’Udinese mantenendo cinque lunghezze sul terzultimo posto. Per riscattare la sconfitta con il Chievo Gasperini si affida alla coppia d’attacco Pandev-Suso escludendo Cerci e Matavz. Giampaolo deve rinunciare a Tonelli, squalificato, e, almeno inizialmente, a Saponara, in panchina perche’ non al meglio. C’e’ Croce alle spalle di Maccarone e Mchedlidze. I toscani non vincono da troppo tempo e si vede: squadra guardinga, che bada a coprirsi le spalle, e pallino del gioco in mano ai rossoblu’ per tutta la prima frazione. L’occasione migliore capita al 20′ sui piedi di Rigoni. Su azione d’angolo l’ex Palermo riceve palla da Burdisso a un metro dalla porta ma Skorupski e’ agile come un gatto a uscire per coprire lo specchio e respinge la conclusione a botta sicura. Nel Grifone positiva la prova di Pandev, sempre nel vivo del gioco e pericoloso al 21′ con un sinistro che sorvola la traversa. Col passare dei minuti gli azzurri prendono coraggio e, pur continuando a difendere con ordine, iniziano a fare capolino sulla trequarti avversaria. La squadra di Gasperini non concretizza la propria superiorita’ territoriale e il primo tempo finisce a reti inviolate.

Pronti, via e Zielinski al 2′ della ripresa spreca una grande chance. Su invito di Maccarone il polacco supera Perin con un pallonetto ma, complici un rimbalzo sfavorevole e il ritorno disperato di Laxalt, calcia fuori a porta vuota. Gol sbagliato, gol subito: al 4′ cross rasoterra (insolitamente) col destro di Cerci (subentrato a uno spento Suso), Rigoni ha il tempo di stoppare e girarsi e si riscatta dall’errore del primo tempo superando Skorupski in diagonale. Laxalt sfiora subito il raddoppio di testa e Giampaolo corre ai ripari inserendo Saponara e Pucciarelli per Maccarone e Buchel. Al quarto d’ora l’indiavolato Cerci approfitta di uno scivolone di Zambelli e crossa teso verso il centro, Ariaudo devia verso la propria porta e Skorupski deve superarsi per evitare l’autorete. Gli ospiti non mollano e vanno a un passo dal pareggio al 21′: la difesa rossoblu’ si fa trovare scoperta sull’imbucata di Zielinski che pesca Mchedlidze tutto solo in area. Il diagonale mancino del georgiano si stampa sul palo lontano con Perin immobile. Sulla ribattuta di Zielinski Ansaldi salva sulla linea. Dopo il palo l’Empoli accusa una flessione fisica e non combina piu’ nulla a parte un diagonale di Pucciarelli al 36′ e una punizione a tempo scaduto di Zielinski, mentre il Genoa ci prova un’ultima volta con una bella combinazione tutta col mancino Cerci-Pandev e tiro a giro del macedone fuori di poco. Seconda vittoria consecutiva in casa dei rossoblu’, toscani a secco ormai dal 10 gennaio.

Tabellino

Genoa (3-5-2): Perin 6; De Maio 6, Burdisso 6, Izzo 6,5, Laxalt 6,5, Rincon 6, Rigoni 7, Tachtsidis 5,5 (36′ st Gabriel Silva sv), Ansaldi 6,5; Suso 5 (1′ st Cerci 5,5), Pandev 6,5 (43′ st Capel sv). All.: Gasperini 6,5.

Empoli (4-4-2): Skorupski 7, Laurini 6, Cosic 5,5, Ariaudo 5,5, Zambelli 5,5 (29′ st Bittante 6), Zielinski 6,5, Paredes 6, Croce 6, Buchel 5,5 (7′ st Saponara 5,5), Mchedlidze 6, Maccarone 5 (7′ st Pucciarelli 6). All.: Giampaolo 5,5

Arbitro: Mariani di Aprilia 6,5

Marcatori: 3′ st Rigoni

Ammoniti: Zambelli, Buchel, Cerci, Cosic per gioco scorretto, Paredes per comportamento non regolamentare

Spettatori: 15.000 circa

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.