Escono Parigi e Londra, che erano nella top 3

Ponte di Pasqua: Firenze, Roma e Amsterdam le mete preferite

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Piazzale Michelangelo a Firenze

Piazzale Michelangelo, a Firenze

ROMA – Per le vacanze di Pasqua gli italiani confermano il proprio interesse verso le città del Bel Paese ed europee, con soggiorni in genere di 4 notti. E, in vetta alle mete più ricercate su trivago.it, c’è Roma, mentre il resto del podio vede emergere Firenze e Amsterdam. A farne le spese sono Parigi e Londra, nei due anni precedenti salde nella top 3, che scivolano rispettivamente al settimo e al quarto posto. La classifica stilata dall’Osservatorio trivago, analizzando le ricerche hotel degli italiani per le vacanze pasquali, vede importanti cambiamenti nelle prime dieci posizioni, dopo aver registrato un trend di continuità tra il 2014 e il 2015. Se Roma conserva il vertice, Parigi perde il secondo posto e scende di ben cinque posizioni.

Anche Londra esce dal podio, per lasciare spazio a Firenze e Amsterdam: entrambe salgono di due posizioni rispetto al 2015, come Venezia che si piazza quinta. Nella rosa delle prime 10 figurano quest’anno Napoli e Torino, rispettivamente ottava e nona con un salto di quatto e sei posizioni. Più marcata la scalata di Milano: fanalino di coda della top 20 della Pasqua 2015, quest’anno è 11esima. Italiane anche le due new entry: Verona (15esima) e Assisi (20esima). Ampliando l’analisi alle ricerche effettuate sulle piattaforme internazionali di trivago, la Città Eterna brilla come meta italiana preferita dai turisti stranieri, seguita da Venezia.

Roma è tra le 10 destinazioni più ricercate all’estero dagli utenti dei principali Paesi europei come Germania, Francia e UK. Sia per gli spagnoli sia per i portoghesi è la terza città più cercata al di fuori dei propri confini, mentre è prima per i polacchi. Il fascino di Roma conquista anche i turisti oltreoceano ed è tra le prime tre mete europee per gli statunitensi e, nel Sudamerica, per argentini e brasiliani. Ma naturalmente Firenze non teme concorrenza. Il fascino della città scrigno, capace di custodire una percentuale altissima dei capolavori d’arte del mondo, finisce per vincere. Anche se ad amministrare gli Uffizi ora c’è un direttore tedesco che vuole novità a tutti i costi (come l’apertura totale del Corridoio Vasariano) che dovrebbero essere prima valutate anche sotto il profilo tecnico e della possibilità pratica.

Tag:, , , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.