Dopo l'iscrizione nel registrodegli indagati

Siena, inchiesta appalto Ato Toscana sud: Fabrizio Vigni si dimette da presidente di Sienambiente

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

La Toscana ha un nuovo piano sui rifiutiSIENA – «Totalmente estraneo, ma lascio l’incarico». Così il presidente di Sienambiente, Fabrizio Vigni,
ex parlamentare dei Ds, annuncia in una lunga nota le proprie dimissioni dopo essere stato iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Firenze in un’inchiesta per presunta turbativa d’asta sull’appalto da 140 milioni di euro per lo smaltimento dei rifiuti affidato dall’Ato Toscana Sud al raggruppamento di imprese Sei Toscana, dove la stessa Sienambiente è capofila.

«Ho sempre lavorato e vissuto in maniera onesta, nel rispetto delle regole, così ho fatto anche da presidente di Sienambiente e da amministratore di Sei Toscana», afferma Vigni. Che aggiunge: «Sono certo della correttezza del mio operato e della mia totale estraneità rispetto ad ogni ipotesi di presunta irregolarità e ho fiducia che il lavoro della magistratura lo chiarirà al più presto. Non avendo nulla di cui preoccuparmi, potrei continuare a
svolgere il mio ruolo di presidente di Sienambiente anche in questa fase, con la stessa correttezza e dedizione che vi ho dedicato fino ad oggi. Scelgo invece di lasciare i miei incarichi, proprio per coerenza con i miei principi e i mie comportamenti. Il mio codice morale interiore mi dice che questa è la cosa giusta da fare per l’azienda, per la comunità per la quale ho lavorato in questi anni, e per me».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.