Operato d'urgenza due volte in nottata a Careggi

Firenze: ragazzo di 24 anni ferito a colpi di pistola mentre cena a San Piero a Ponti. E’ gravissimo. Arrestato l’aggressore

di Redazione - - Cronaca, Top News

Stampa Stampa

Carabinieri a Navacchio, dopo una fallita rapina nella sala Bingo il banditoFIRENZE – Ferito da colpi di pistola mentre si trovava in un circolo ricreativo a San Piero a Ponti, nel comune di Campi Bisenzio, un fiorentino di 24 anni, Francesco Collini, restauratore, è stato trasportato in gravissime condizioni all’ospedale di Careggi. L’aggressore è riuscito a fuggire: sarebbe stato però riconosciuto come un conoscente della vittima e i carabinieri lo stanno cercando.

Tutto è accaduto poco prima della mezzanotte di ieri, venerdì 11 marzo. Da quanto emerso il 24enne si trovava a cena con una ventina di amici nel circolo quando è arrivato il suo aggressore che avrebbe sparato cinque colpi di pistola, tre dei quali hanno raggiunto il giovane, ferito alla testa e alla schiena.

Due lunghi e complessi interventi di neurochirurgia, nella notte e nel primo mattino, presso l’ospedale di Careggi, per salvare il 24enne ferito. Il giovane ferito è in pericolo di vita e le lesioni subite, secondo quanto si apprende, sono molto gravi. Notevole l’impegno dei neurochirurghi per salvare il giovane ferito. Un primo intervento in sala operatoria c’è stato subito dopo il soccorso, intorno a mezzanotte, ma un altro interventosi è reso necessario stamani a causa delle gravi ferite causate dagli spari.

AGGIORNAMENTO DELLE 9,45

Arrestato dai carabinieri il giovane, Leonardo Viggiano, 24 anni, che poco prima della mezzanotte è entrato nel circolo ricreativo di San Piero a Ponti  e ha sparato in testa e alla schiena al coetaneo, che stava cenando con un gruppo di amici, ferendolo gravemente. Dopo l’incursione si era rifugiato a casa  dei genitori, con i quali vive a Campi Bisenzio, e qui lo hanno rintracciato i carabinieri. Recuperata anche la pistola con cui ha sparato. Secondo prime informazioni raccolte dall’Arma, i due si conoscevano ed erano stati amici in passato, ma i rapporti si erano interrotti a causa di dissidi su cui gli investigatori stanno raccogliendo elementi.

AGGIORNAMENTO DELLE 14,00

Un vecchio rancore, covato da anni, sarebbe alla base degli spari nel circolo di San Piero a Ponti, dove Leonardo Viggiano, 24 anni, arrestato dai carabinieri, ha sparato con una pistola scacciacani modificata, sembra con proiettili calibro 9, a Francesco Collini, 24 anni, sempre in pericolo di vita all’ospedale di Careggi. E’ quanto risulta agli investigatori, che stanno scavando su una vecchia lite, sembra di tre anni fa, per risalire al movente dell’aggressione. Da quel contrasto i due, entrambi abitanti a Campi Bisenzio (Firenze) e che si conoscono fin da bambini, hanno interrotto i rapporti. Viggiano, è stato appurato dall’Arma, è stato ripreso dalle telecamere del circolo. E’ stato visto guardare da fuori, attraverso una finestra, all’interno e, individuato Collini che cenava in compagnia, è entrato. Avvicinandosi, Viggiano ha estratto la pistola dal giubbotto ed ha esploso da distanza ravvicinata sei colpi contro Collini. Quattro sono andati a segno. Due proiettili lo hanno raggiunto alla testa, due alla schiena e si sono fermati all’altezza dell’addome. Secondo quanto riferito in una conferenza stampa, Viggiano si è mantenuto freddo al momento di sparare. Poi, nel parapiglia generale, è scappato a piedi. E’ stato riconosciuto dai presenti. I carabinieri verso le 2.30 lo hanno rintracciato a  casa, dove vive coi genitori. Era seduto sul divano. Non ha opposto resistenza all’arresto. Non ha detto niente, non ha dato spiegazioni. L’arrestato lavora nella ditta di abbigliamento di famiglia. Il ferito è operaio in un’altra azienda della zona. I carabinieri stanno interrogando amici e conoscenti dei due giovani.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.