Da martedì 15 a giovedì 24 marzo

Firenze: al Teatro della Pergola arriva da mattatrice Anna Marchesini

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

Stampa Stampa
Cirino e Marilda non si può fare - Anna Marchesini _ ph. Gianmarco Chieregato

Anna Marchesini alla Pergola con «Cirino e Marilda non si può fare» (foto Gianmarco Chieregato)

FIRENZE – Torna al Teatro della Pergola, dopo ben dieci anni di assenza, l’attrice, cabarettista, imitatrice e autrice Anna Marchesini, con «Cirino e Marilda non si può fare», un testo scritto appositamente per il teatro e tratto dal suo libro «Moscerine (la scrittura è felicità)» edito da Rizzoli. Una maratona emozionale su un palcoscenico nudo, senza supporti scenici, dove i veri protagonisti sono il corpo, i movimenti e la voce.

«Cirino e Marilda non si può fare» racconta le avventure del professor Cirino Pascarella e di Marilda, single quarantenne che mamma Olimpia vorrebbe vedere accasata proprio con il timido professore. Ad accompagnare sul palco l’affabulatrice Marchesini ci sarà la musica dal vivo del trio «Aire de mar».

Cirino e Marilda non si può fare è l’espressione del talento poliedrico di Anna Marchesini, attrice che riesce a restituire le mille sfaccettature dei suoi personaggi e a far sorridere delle incomprensioni che nascono dall’incontro-scontro di mondi diversi e distanti. Partita da serissimi studi teatrali e diventata famosa col Trio Marchesini-Solenghi-Lopez negli anni Ottanta, ha poi proseguito in solitaria consolidando la sua fama fino allo stop forzato per malattia nel 2006, mentre era in tournée con «Le sue zittelle» (da un racconto di Landolfi) in cui interpretava ben 15 personaggi. «Io sono nata plurale quindi non è la prima volta che faccio un monologo e interpreto tutti i personaggi», spiega Anna Marchesini a proposito dell’ultimo spettacolo, «non ho più bisogno di cambiarmi d’abito; rimasta sola senza Tullio Solenghi e Massimo Lopez, mi sono moltiplicata. Con gioia racconto questa storia su di un palco spoglio, per permettere alla voce e al corpo di riscrivere ogni volta la storia, narrando non come un lettore, ma come un attore ogni volta diverso, protagonista della vicenda stessa che non può che viverla, rappresentarla senza mai conoscerne la fine (…). Quando ho pubblicato “Moscerine” non c’era “Cirino e Marilda non si può fare”. Desideravo che alcuni dei personaggi del mio libro potessero avere una vita in teatro. Però non mi sembrava che bastasse passare dalla scrittura letteraria alla rappresentazione teatrale: allora ho preferito scrivere un racconto appositamente per la scena. Mi è piaciuto dare, specialmente alla figura di Cirino, un po’ la stazza delle figure pirandelliane, personaggi come quelli de “Il treno ha fischiato” che vivono una vita silente, invisibile, di cui non si accorge nessuno e finiscono per non accorgersene neanche loro».

In scena Anna Marchesini indossa un abito della storica Maison Gattinoni.

Teatro della Pergola (via della Pergola 18-30, Firenze)

Anna Marchesini in «Cirino e Marilda non si può fare» di Anna Marchesini; musiche eseguite dal vivo da «Aire de mar» (Martin Diaz, chitarra; Marco Collazzoni, sax e flauto; Saverio Federici, percussioni); abito di scena Maison Gattinoni

Durata: 1h e 20’, atto unico

Biglietti da 12 a 32 euro, acquistabili anche online. Biglietteria: Teatro della Pergola, dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 18.30, tel. 055.0763333 biglietteria@teatrodellapergola.com.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.