E' di origine cingalese, parla inglese ma non la nostra lingua

Firenze, processo per la morte di Riccardo Magherini: udienza rinviata perché l’interprete non conosce l’italiano

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Il Palazzo di Giustizia a Firenze

Il Palazzo di Giustizia di Firenze

FIRENZE – Nei tribunali succede anche questo: l’udienza di oggi, 17 marzo, al processo per la morte di Riccardo Magherini, il 40enne deceduto nel centro di Firenze nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2014, era stata fissata dal giudice Barbara Bilosi solo per affidare l’incarico della traduzione di un articolo pubblicato sulla rivista scientifica The American Journal of Forensic Medicine and Pathology dedicato alle condizioni della respirazione in posizione prona, la stessa in cui fu tenuto Magherini per almeno venti minuti. Non più di mezz’ora sarebbe dovuta durare l’udienza, era stato detto. Invece è durata meno di 10 minuti per un motivo incredibile: l’interprete, di origine cingalese, conosceva bene l’inglese ma non altrettanto l’italiano.

Così al giudice, davanti all’incredulità generale, non è rimasto altro che fissare una nuova udienza per il 24 marzo
sperando che tra una settimana venga convocato un traduttore capace sì di comprendere l’inglese scientifico, ma anche di tradurre quell’articolo in italiano. «Nella giustizia italiana succedono cose incredibili», ha commentato il padre di Riccardo Magherini ossia Guido Magherini, ex calciatore di Milan, Lazio e Rondinella Marzocco.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.