Il 66% non ha affrontato l'educazione civica

Scuola: in Italia si studia poco la Costituzione. Solo 1 diplomato su 5 l’ha letta

di Camillo Cipriani - - Colonna centrale, Cronaca, Cultura, Politica

Stampa Stampa

Renzi dona Costituzione ad alunni, datemi una mano

A scuola si studia poco la Costituzione. Quasi i due terzi dei diplomati (61,9%) ammettono di aver affrontato il tema in modo superficiale in classe o di non averlo affrontato per nulla. Lo rileva l’indagine L’educazione alla cittadinanza nella scuola superiore italiana, svolta dall’Associazione Treellle su un campione di 800 giovani fra i 19 e i 23 anni e presentata all’Università Luiss.

L’attenzione verso lo studio della Costituzione è stata maggiore negli istituti tecnico-professionali, dove il diritto è materia curriculare, rispetto ai licei (solo il 25% degli studenti si è occupato della Costituzione in modo molto o abbastanza approfondito, contro la media di 38,1%). In generale, un diplomato su 5 (20,5%) dice di non aver mai letto la Costituzione durante il percorso di studi e il 54,2% ne ha letto solo qualche articolo.

Tra i banchi si è parlato poco anche di temi riguardanti l’educazione civica o l’educazione alla cittadinanza: mai affrontati o affrontati solo una o due volte l’anno a detta del 66% degli intervistati (75% nei licei scientifici, 77,7% nei classici). Il 17,8% non ha mai approfondito questi temi neanche al di fuori della scuola. Il 47,1% invece li ha approfonditi per conto suo e la metà (50,2%) ne ha parlato in famiglia.

Otto studenti su 10 ritengono dunque che la scuola dovrebbe occuparsi di più di educazione civica, trattando argomenti come il rispetto dell’ambiente (33,8%), l’uguaglianza tra cittadini (33,1%), i diritti e i doveri dei cittadini (32,3%), i diritti umani (30,1%) e il funzionamento dello Stato (25,5%). Anche per questo, oltre a possedere – salvo estese e meritorie eccezioni – una relativa (eufemismo) cultura generale e specifica, i nostri giovani difettano della conoscenza delle regole basilari della convivenza civile, situazione che purtroppo tutti possiamo constatare facilmente nella vita di tutti i giorni.

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Commenti (1)

  • roberto

    |

    Gent.mo Cipriani Camillo.
    Non so se lei è al corrente di questo ODG votato all’unanimità dall’Assemblea Costituente l’11 dicembre 1947.
    PRESIDENTE UMBERTO TERRACINI. GLI ONOREVOLI MORO,FRANCESCHINI,FERRARESE E SARTOR HANNO PRESENTATO QUESTO ODG ” L’ASSEMBLEA COSTITUENTE ESPRIME IL VOTO CHE LA NUOVA CARTA COSTITUZIONALE TROVI SENZA INDUGIO ADEGUATO POSTO NEL QUADRO DIDATTICO DELLA SCUOLA DI OGNI ORDINE E GRADO. AL FINE DI RENDERE CONSAPEVOLI LE NUOVE GENERAZIONI DELLE RAGGIUNTE CONQUISTE MORALI E SOCIALI CHE COSTITUISCONO ORMAI SACRO RETAGGIO DEL POPOLO ITALIANO”. ( E’ APPROVATO ALL’UNANIMITA’ – VIVI.GENERALI APPLAUSI)

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.