Una nota ufficiale dell'Alto prelato

Pistoia: il vescovo, mons Tardelli, bacchetta i due parroci che offrono la chiesa per la preghiera dei musulmani. La confusione non facilita l’accoglienza

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

tardellivesc

PISTOIA – «In merito a quanto vediamo scritto sui giornali o riferito da vari mezzi di comunicazione, si precisa che la doverosa, necessaria e rispettosa accoglienza delle persone che professano altri culti e religioni non si fa offrendo spazi per la preghiera all’interno delle chiese destinate alla liturgia e all’incontro della comunità cristiana. Per quella si possono trovare benissimo altri spazi e altri luoghi ben più adatti e più rispettosi anche di chi ha un’altra fede». E’ quanto si legge in una nota del vescovo di Pistoia Fausto Tardelli, dopo l’annuncio di alcuni parroci della Diocesi pistoiese di destinare spazi all’interno delle loro chiese per la preghiera dei migranti di fede musulmana.

«I motivi sono tanti e talmente ovvi che non è necessario nemmeno richiamarli – prosegue il vescovo -. I sacerdoti coinvolti in questa vicenda hanno ribadito che il loro pensiero e la loro volontà di apertura agli immigrati sono stati travisati, dal momento che non è assolutamente loro intenzione creare situazioni di confusione che non aiutano certo l’accoglienza. Sono per altro ben consapevoli – conclude il vescovo Tardelli – della necessità di agire in questo campo con grande attenzione e rispetto sia di chi viene che della popolazione residente al fine di realizzare una vera integrazione sociale».

Tag:, , ,

Commenti (2)

  • Iacopino Porcedda

    |

    Che cosa possiamo dire di fronte ad un tale comportamento, questo prete crocifigge Gesù per la seconda volta, vorrei però che gli fosse chiaro che forse, questa volta, non risusciterebbe dopo tre giorni, non lo meritiamo…..come dice una vecchie e famosa canzone dei Nomadi, Dio è morto!!!

    Rispondi

  • ernesto cappa

    |

    Sotto l’Islam le chiese vengono bombardate, bruciate … andate a vedere cosa succede alle chiese cristiane in pakistan, in nigeria , in iran e in iraq… credo anche che il permettere ai musulmani di recitare le loro preghiere nello stesso luogo in cui viene consacrata l’ Eucarestia si possa configurare come profanazione … ma in quale seminario hanno studiato questi due parroci ?? provate a chiedere ad un imam se è possibile far entrare cristiani in una moschea a recitare il Padre Nostro…

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.