Il provvedimento del gip

Firenze: calci e pugni a un ventenne. Arrestati i presunti aggressori

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

seat_leon_polizia_001FIRENZE – Avrebbero aggredito con calci e pugni un ventenne fiorentino, il 10 ottobre scorso all’interno del centro commerciale ‘I Gigli’ di Campi Bisenzio, causandogli un trauma cranico e lo spappolamento della milza. I presunti responsabili sono stati arrestati ieri dalla polizia, in esecuzione di una misura di custodia cautelare: si tratta di un 20enne marocchino, agli arresti in carcere, e di un 19enne albanese, finito ai domiciliari.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della squadra mobile, l’aggressione sarebbe scattata a seguito di una lite avvenuta il giorno precedente, nel corso della quale il 20enne marocchino sarebbe stato picchiato dal coetaneo di Firenze. L’incontro ai Gigli sarebbe stato casuale. A seguito dell’episodio la vittima, colpita con pugni alla testa e con un potente calcio all’addome, riportò un trauma cranico e gravi danni alla milza, che ne resero necessaria l’asportazione per via chirurgica. Al pestaggio avrebbero partecipato almeno altri tre giovani, in corso di identificazione da parte della polizia. Il 20enne marocchino non avrebbe sferrato colpi ma si sarebbe limitato a incitare gli altri, quasi come un capo. Il 19enne avrebbe invece colpito la vittima col calcio all’addome che ne lesionò la milza. Già noto alle forze dell’ordine, ha precedenti di polizia per rapina ed estorsione, reati, spiegano gli investigatori, che avrebbe commesso nel 2013 mentre faceva parte di una baby gang. I due arrestati, scrive il gip, hanno agito con «una spiccata e radicata propensione alla violenza e al crimine».

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.