L'indagine di gradimento di Gest

Firenze, tramvia: promossa dal 99% dei passeggeri. Mancano però le biglietterie e vanno risistemati i sedili

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
La linea 1 della tramvia di Firenze, da costruire quelle 2 e 3

La tramvia fiorentina

FIRENZE – Caso più unico che raro fra i servizi pubblici: i passeggeri della tramvia
fiorentina promuovono il servizio a pieni voti. Infatti il 99% esprime un giudizio positivo (dal 26% che lo giudica ottimo al 60% buono e al 13% che dà un voto di sufficienza). Solo l’1% la valuta insufficiente. Aumentano anche i passeggeri: 200mila in più nel 2015 rispetto all’anno precedente (12,8 milioni nel 2014).

Tutto questo emerge dall’indagine di gradimento realizzata da GEST – gestore della tramvia – che dal 1 al 14 febbraio ha intervistato un campione rappresentativo di 550 passeggeri a bordo dei mezzi della Linea 1, per conoscere il giudizio dell’utenza sulla
qualità del servizio. Qualità più apprezzate, la regolarità del servizio, la sua
affidabilità e il comfort, l’attenzione all’ambiente e le informazioni al viaggiatore sia nel tram che alle fermate.  Le criticità riscontrate sono la difficoltà nella reperibilità dei
biglietti, il decoro in particolare delle sedute che dopo 5 anni si sono logorate e l’affollamento soprattutto negli orari di punta.

«La sfida è riuscire a mantenere questi livelli di consenso sulla qualità del servizio – commenta Jean Luc Laugaa, amministratore delegato di Gest – Per farlo dobbiamo rinnovarci e migliorare costantemente l’offerta. Nel 2016 risolveremo il problema delle biglietterie alle fermate e miglioreremo il comfort dei passeggeri, a partire dal rinnovamento delle sedute. Siamo attenti e sensibili alle critiche – prosegue Laugaa –
perché ci aiutano a migliorare un servizio in costante crescita e che nel 2015 ha superato i 13 milioni di passeggeri».

La tramvia, secondo Gest, ha prodotto anche interessanti cambiamenti nella scelta dei mezzi per i propri spostamenti: il 22% dei passeggeri intervistati dichiara di non usare più il proprio mezzo privato (16% auto e 6% moto/ciclomotore), che, grazie alla tramvia. resta in garage. Se la qualità del servizio continua ad essere giudicata buona e ottima non mancano le richieste di miglioramento: usura dei sedili; aria condizionata;
affollamento negli orari di punta e biglietterie automatiche non sempre funzionanti. Aspetti su cui GEST ha già studiato le soluzioni. «Per i sedili – precisa Laugaa – stiamo scegliendo un rivestimento che potrà essere lavato facilmente e in grado di
assicurare una maggiore resistenza e durata. Dobbiamo ricorrere a delle emettitrici come quella che stiamo sperimentando alla fermata Resistenza, che consente l’acquisto del biglietto anche con carte di credito e bancomat. Per riscaldamento e l’aria condizionata abbiamo lavorato con Hitachi per dotare i nostri mezzi di un sistema che rileva la temperatura esterna e adegua automaticamente quella interna riducendo così l’escursione termica».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.