Nelle sale Spazio Alfieri e Stensen

Firenze: «L’Universale» di Federico Micali esce il 14 aprile (anteprima il 12 al Teatro Verdi)

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
i protagonisti del film L'Universale 1

Francesco Turbanti, Matilda Lutz e Robin Mugnaini protagonisti del film «L’Universale»

FIRENZE – Cultura, musica, speranze e miti dei giovani fiorentini degli anni Settanta raccontati attraverso gli occhi di Tommaso, figlio del proiezionista del mitico Cinema Universale in San Frediano, e di due suoi amici: questo il nocciolo di «L’Universale», il film di Federico Micali, che uscirà in Italia il 14 aprile e a Firenze sarà proiettato al cinema Stensen (viale don Minzoni, 25) e allo Spazio Alfieri (via dell’Ulivo, 6). L’anteprima si terrà al Teatro Verdi di Firenze (via Ghibellina 99) il 12 aprile alla presenza del cast (aperte le prevendite sul circuito box office).

Il film, scritto da Micali col fiorentino Cosimo Calamini e con Heidrun Schleef (la stessa de «La stanza del figlio» di Moretti, Palma d’oro a Cannes) e riconosciuto di interesse culturale nazionale, è stato realizzato col contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direzione Generale per il Cinema e del Fondo Cinema della Regione Toscana / Film Commission.

La colonna sonora è firmata dalla Bandabardò.

L’Universale, chiuso nel 1989, è stato ricostruito in un vecchio cinema di Pontassieve (il cinema Italia); ovviamente nel film compaiono gli episodi più famosi, dall’esclamazione non proprio raffinatissima «Abburracciugagnene» risuonata in sala mentre veniva proiettata una scena d’amore all’irruzione in sala, durante la proiezione, di una Vespa a motore acceso. Sempre a Pontassieve è stata ricostruita la Rokkoteca Brighton, dove nel 1980 suonarono per la prima volta i Litfiba. Molti i ciak anche nelle strade del quartiere di San Frediano e sui lungarni di Firenze.

I protagonisti sono Francesco Turbanti, classe ’88, di Grosseto (il protagonista Tommaso), Matilda Lutz, attrice italo-americana, classe ’92 (Alice) e Robin Mugnaini, classe ’87, di Siena (Marcello). Nel cast anche Claudio Bigagli (il proiezionista, padre di Tommaso), Paolo Hendel, nei panni del programmatore del cinema (“il programmista Ginori”), e Vauro, che interpreta Ivo Tanturli, padre di Marcello; inoltre Maurizio Lombardi (il padre di Alice, frequentatore assiduo del cinema), Anna Meacci (la mitica cassiera), Roberto Gioffré (la maschera storica), Ilaria Cristini (la barista) e Francesco Mancini (la nuova maschera).

Spiega Federico Micali: «Per quasi due anni ho “vissuto” all’interno del Cinema Universale di Firenze assorbendo una straordinaria serie di racconti, storie e aneddoti che sono poi, in piccola parte, confluiti nel mio documentario, “Cinema Universale d’essai”. È stato un viaggio emozionate e divertente in una storia del cinema molto privata, quella che ha caratterizzato l’identità di varie generazioni che si sono alternate su quelle scomode poltroncine di legno, dove il film diventava una partitura personale su cui improvvisare collettivamente: una interazione che iniziava durante la proiezione e proseguiva nelle discussioni al bar o davanti alla cassa. Da queste basi ho iniziato a cullare l’idea di avere il Cinema Universale come teatro di una scrittura drammaturgica che superasse i confini segnati dal reale, per andare a raccontare la storia di una generazione- quella che passa per gli anni 70-  attraverso le strette mura di un cinema e l’immensa finestra che è il suo schermo. Mi ha affascinato soprattutto quel rapporto viscerale che si creava (ma che ancora si crea ovunque ci sia una sala “vissuta”) con il cinema, inteso come film ma soprattutto come luogo: uno spazio familiare che riusciva magistralmente a mettere insieme la cultura alta dei film d’essai e la sagacia popolare di San Frediano. Un meltin’ pot di persone, modi di essere ed idee che avrebbe fatto diventare quel cinema un incredibile punto di riferimento culturale per gli anni Settanta e indirettamente per tutti gli anni Ottanta».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.