Stava scontando due mesi per resistenza a pubblico ufficiale

Firenze: agli arresti domiciliari maltratta la moglie. Il giudice lo spedisce in carcere

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

concorsi-Polizia-Penitenziaria

FIRENZE – Agli arresti domiciliari, maltratta la moglie: per questo un albanese di 47 anni è stato
trasferito nel carcere di Prato. Stava scontando due mesi di detenzione domiciliare a Quarrata per violenza e resistenza a pubblico ufficiale commessa nel 2010, ma la moglie lo ha denunciato per maltrattamenti.

L’autorità giudiziaria aveva per questo ritenuto di dover comminare all’uomo la misura
dell’allontanamento dalla casa familiare che però sarebbe stata incompatibile con la ubicazione prevista per la pena che stava scontando. Pertanto, con  provvedimento del magistrato di
sorveglianza di Firenze, all’uomo è stato sospeso il regime della detenzione domiciliare e  sostituito con quella in carcere per la tutela del coniuge.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.