Una mostra sul percorso artistico dei fratelli pittori

Firenze: Antonio e Xavier Bueno sbarcano a Villa Bardini

di Cristina Degl'Innocenti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Antonio Bueno, ritratto.

Antonio Bueno, ritratto.

FIRENZE – Si chiama «Doppio ritratto. Antonio e Xavier Bueno, contrappunti alla realtà tra avanguardia e figurazione» la mostra che a partire dal 21 maggio sarà visitabile, fino al 6 novembre 2016, nelle sale di Villa Bardini. Sono 120 le opere che descrivono il percorso artistico dei due fratelli Bueno. Il nucleo più consistente delle opere in mostra è costituito da quelle concesse dagli eredi, alle quali si sommano quelle provenienti da prestiti da musei, fondazioni e da collezionisti privati, alcune delle quali inedite.

L’evento ripercorre la vicenda creativa di due personalità dell’arte del Novecento. I fratelli Xavier (1915-1979) e Antonio Bueno (1918-1984) giunsero in Italia negli anni della guerra dopo un’infanzia trascorsa tra Berlino, Ginevra e Parigi al seguito del padre giornalista. Giunsero a Firenze nel 1940 e quello che avrebbe dovuto essere un soggiorno breve e temporaneo si trasformò in un’esperienza di vita e di una vita. Antonio e Xavier trascorsero a Firenze il resto della loro vita sullo sfondo dei profondi cambiamenti culturali ne gli anni del dopoguerra.

La mostra ripercorre la vicenda creativa e umana dei due artisti che nel corso della loro vita e della loro carriera artistica ebbero modo di avvicinarsi al vivace ambiente culturale fiorentino a partire dagli anni Quaranta, divenendo, in seguito due protagonisti nel panorama artistico italiano del secondo Novecento. Il catalogo della mostra contiene contributi di Susanna Ragionieri, Giorgio Bedoni e l’introduzione di Philippe Daverio, presidente onorario dell’Associazione Culturale Bueno che ha sede a Firenze. Il progetto è a cura di Stefano Sbarbaro.

Tag:, , ,

Cristina Degl'Innocenti

Cristina Degl'Innocenti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.