Martedì 5 aprile alle 21

Firenze: al Teatro Verdi l’ORT diretta da Robert Trevino. Violino solista il russo Dmitri Makhtin

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Il giovane direttore d'orchestra texano Robert Trevino

Il giovane direttore d’orchestra texano Robert Trevino, in concerto con l’ORT

FIRENZE – Al Teatro Verdi l’Orchestra della Toscana (ORT) viene diretta per la prima volta dal texano Robert Trevino. In programma il «Concerto per violino e orchestra op.61» di Beethoven, col violinista russo Dmitri Makhtin, e due pezzi di Sibelius, la «Sinfonia n.3 op.52» e «Lemminkäinen’s return, n.4 op.22».

Come per il riuscitissimo concerto di carnevale, sul palco, assieme ai professori d’orchestra, ci sarà un drappello di studenti del Conservatorio Cherubini di Firenze e dell’Istituto Franci di Siena.

Robert Trevino è arrivato al grande successo internazionale nel dicembre 2013 al Teatro Bolshoi, sostituendo Vasily Sinaisky nella conduzione di una nuova produzione del «Don Carlo» di Verdi; successo che lo ha premiato con la candidatura per il Golden Mask Award come Best Conductor in a New Production. A Firenze si è ascoltato in occasione del 77° Maggio Musicale, nel 2014. Il programma odierno gli è particolarmente congeniale, visto che l’occasione di approfondire il finlandese Sibelius non gli è mancata, nel periodo da Conductor-in-Residence alla Filarmonica di Helsinki.

La Terza delle sette sinfonie di Sibelius, datata 1907, è di stampo neoclassico; vi sono accantonati gli ideali patriottici cari a Sibelius e presenti nel «Ritorno di Lemminkäinen» (1895), ispirato all’epica finnica del Kalevala.

Introduce la serata uno dei più bei Concerti per violino mai scritti, quello di Beethoven (op.61), interpretato dal russo Dmitri Makhtin, classe 1975, anche lui per la prima volta con l’ORT. Figlio di violinisti membri della St.Peterburg Philharmonic, Makhtin si forma tra la Russia e gli Stati Uniti, collezionando numerosi premi in concorsi e competizioni internazionali come il Kloster Schontal Violin Competition, il Premio Paganini e Louis Spohr, Tibor Varga, Montréal, Sibelius and Pretoria. Ha collaborato in trio con Boris Berezovsky e Alexander Kniazev, nella registrazione di un dvd con brani di Čajkovskij per pianoforte, violino e violoncello e all’incisione di un cd per la Warner Classics con musiche di Šostakovič e Rachmaninov, lavoro che ha ricevuto numerosi e importanti premi come Choc de la Musique, Gramophone ed Echo Classic.

Orchestra della Toscana (ORT) diretta da Robert Trevino

Ludwig van Beethoven (170-1827), Concerto per violino e orchestra op.61

Jean Sibelius (1865-1957), Sinfonia n.3 op.52

Jean Sibelius, Lemminkäinen’s return, n.4 op.22

lunedì 4 aprile 2016 Arezzo, Auditorium Fiere e Congressi, ore 21

martedì 5 aprile 2016 Firenze, Teatro Verdi (via Ghibellina), ore 21

mercoledì 6 aprile 2016 Livorno, Teatro Goldoni, ore 21

giovedì 7 aprile 2016 Figline Valdarno, Teatro Garibaldi, ore 21

Biglietti da 11 a 16 euro in vendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi (tel. 055 21.23.20; orario 10-13 e 16-19) e presso tutti i punti del Circuito Regionale Box Office. On line su www.teatroverdionline.it

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.