Respinta la richiesta dell'avvocato difensore

Livorno: resta in carcere l’infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti

di Redazione - - Cronaca, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

Infermiera arrestata: indagini, 'bombe' di EparinaLIVORNO – Fausta Bonino, l’infermiera di Piombino accusata di aver ucciso 13 pazienti, resterà in carcere. Infatti è stato negativo il parere della procura della Repubblica sulla richiesta di scarcerazione. L’infermiera  è nella sezione femminile del penitenziario Don Bosco di Pisa.

Per la procura, secondo quanto appreso, non ci sono le condizioni per rimettere in libertà l’indagata e nemmeno per l’eventuale misura degli arresti domiciliari che, in subordine, aveva proposto l’avvocato Cesarina Barghini, difensore dell’infermiera, dopo l’interrogatorio di garanzia. In particolare la procura avrebbe ribadito i pericoli di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato. Il gip di Livorno Antonio Pirato si era riservato sulla decisione anche perchè aspettava il parere del pm.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.