La pressione fiscale cala al 42,8% del pil

Economia, Def: Renzi, il Pil si attesterà al +1,2% invece che al +1,6% previsto. Non ci saranno altre manovre

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

Renzi-Padoan

ROMA – Il consiglio dei ministri ha approvato il Def. Lo ha annunciato il premier Matteo Renzi nella conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.  Nel 2016 il pil italiano si attesterà all’1,2% (contro la precedente stima di +1,6%), per poi accelerare negli anni successivi. Lo prevede il Documento di economia e finanza (Def). Il pil è previsto in crescita dell’1,4% nel 2017, dell’1,5% nel 2018 ed infine dell’1,4% nel 2019.

«Il fatto che ci sia una revisione all’1,2% è un fatto di serietà. L’Italia cresce, questi sono i numeri, ce li avevamo anche a colori ma non volevamo stupirvi. La crescita accelera, come dice bene Padoan, del 50 per cento rispetto al 2015, nel 2016 andremo meglio», ha affermato il premier mostrando delle slides in bianco e nero sul Def.  «Non ci saranno altre manovre. No», ha poi aggiunto Renzi illustrando il Def con il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. «In 26 mesi di convivenza non abbiamo mai effettuato manovra correttiva, è termine che abbiamo rottamato, appartiene al passato», ha aggiunto.

«Il governo ritiene inopportuno e controproducente adottare una intonazione più restrittiva di politica di bilancio», si legge nella premessa alla bozza del Def firmata dal ministro dell’Economia che sottolinea, oltre ai rischi legati alla deflazione e all’ «insufficiente coordinamento delle politiche fiscali» Ue, anche gli effetti «perversi» di manovre troppo restrittive, che potrebbero finire per peggiorare, anziché migliorare, il percorso di aggiustamento del debito.

Nel comunicato finale si annuncia anche un calo della pressione fiscale nel 2016: «la pressione fiscale è prevista scendere di 0,7 punti percentuali collocandosi al 42,8% del Pil. Considerando il bonus 80 euro, per gli effetti sul reddito netto dei lavoratori, la pressione fiscale scende al 42,2%».

 

Tag:, , , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.