La cena a Villa Cora avrebbe aperto nuovi scenari per l'allenatore

Fiorentina: Paulo Sousa verso lo Zenit San Pietroburgo. Ma vuole vincere il derby con l’Empoli

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Paulo Sousa: verso l'addio alla Fiorentina?

Paulo Sousa: verso l’addio alla Fiorentina?

FIRENZE – Non vuole parlare, Paulo Sousa, della cena con i russi di qualche giorno fa a Villa Cora. Così come non vuol parlare del suo futuro. Che, a oggi, sembra lontano dalla Fiorentina. E vicino, a quanto pare, allo Zenit di San Pietroburgo. E’ vero che avrebbe un altro anno di contratto, ma si sa che i contratti, nel calcio, sono … volatili. Il fallimento del mercato di gennaio, con il mancato rinforzo della squadra, a quanto pare ha creato un solco fra i Della Valle e il tecnico. Che ora pensa solo a chiudere bene il campionato, magari centrando quella vittoria che manca ormai da 5 giornate. Poi, forse, un passaggio in Russia. In un calcio più ricco anche se meno stimolante.

Intanto, la Fiorentina sta preparando così la sfida di domenica alle 12,30 in casa dei cugini dell’Empoli, con il fermo proposito di interrompere questo lungo digiuno che l’ha allontanata dalla zona-Champions. Per riuscirci Paulo Sousa è intenzionato a schierare tutti i suoi ‘fedelissimi’, a partire da Kalinic che torna dopo aver smaltito la squalifica. L’attaccante croato, un solo gol segnato nel 2016 dopo un inizio-boom in Serie A, proprio contro l’Empoli
all’andata riuscì col suo ingresso in campo a inizio ripresa a rimontare con 2 gol il doppio svantaggio della propria squadra.  Dunque Kalinic dal 1′ e così pure Bernardeschi che contro la Sampdoria domenica scorsa è rimasto in panchina perché non al meglio fisicamente dopo il doppio impegno in nazionale. A loro sarà affidata la fase offensiva coadiuvati da Ilicic (decisivo l’anno scorso al Castellani con una doppietta) e probabilmente Tello mentre Borja Valero potrebbe arretrare a centrocampo, in tandem con l’ex Vecino, se Badelj, reduce da un affaticamento, partirà inizialmente in panchina. In difesa, davanti a  Tatarasunu, conferma di Roncaglia, Gonzalo Rodriguez, Astori e Alonso ancora favorito su Pasqual. Insomma, i fedelissimi. Di certo, al di là di chi giocherà, per la Fiorentina e il suo allenatore sempre al centro di voci di mercato (c’è chi è sicuro che resterà e chi del suo addio a fine stagione) conterà una sola cosa: vincere a difesa almeno del 4 posto. Sugli spalti del Castellani sono annunciati i
sindaci di Firenze e Empoli Dario Nardella e Brenda Barnini.

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.