Ai viola la vittoria manca dal 21 febbraio, agli azzurri dal 10 gennaio

Empoli-Fiorentina (domenica, ore 12,30), derby per tornare a vincere. Sousa allo Zenit? Lui: parlo solo del presente…

di Sandro Bennucci - - Primo piano, Sport

Stampa Stampa
La curva Fiesole ha deciso di disertare la trasferta di Empoli contro il caro prezzi stabilito dalla società azzurra

La curva Fiesole ha deciso di disertare la trasferta di Empoli contro il caro prezzi stabilito dalla società azzurra

FIRENZE – L’Inter ha vinto a Frosinone (0-1, gol di Icardi) e ha momentaneamente scavalcato la Fiorentina insediandosi da sola al quarto posto. I viola devono vincere a Empoli per riconquistare la posizione che dà diritto alla qualificazione per i girobni di Europa League. Da troppo tempo la Fiorentina non vince. Ora tiene banco la cena di Paulo Sousa a Villa Cora. L’allenatore, durante la conferenza stampa, ha ribadito lealtà verso il club e verso i Della Valle, ma ha insistito nel non voler ipotecare il futuro. Il mio parere? L’ho detto venerdì sera a Italia7 e l’ho ribadito oggi, sabato 9 aprile, a Lady Radio: credo che fra Sousa e la Fiorentina si sia aperta una crepa profonda, insanabile, dopo la chiusura della campagna acquisti di gennaio. Lui è persona seria: vuol puntare a obiettivi precisi, ma deve essere messo in condizione di centrarli. I Della Valle si indispettirono quando lui disse che non era soddisfatto. Poi è venuta la batosta con la Roma e sono arrivati pareggi deludenti (Verona, Frosinone, Sampdoria).  E ora? Si fanno molte ipotesi, anche quella di un’intesa fra Sousa e lo Zenith di San Pietroburgo. Lui non insegue solo i soldi, ma anche un progetto. Già l’anno scorso ruppe il contratto con il Basilea per l’avventura fiorentina. Chissà che non abbia già maturato una nuova sfida professionale.

Paulo Sousa

Paulo Sousa

PAULO SOUSA – Intanto ecco le sue parole: «Non esiste il futuro senza il presente, noi allenatori viviamo del risultato, è così da sempre, ecco perché adesso sono solo concentrato sulla Fiorentina e sul derby di domani con l’Empoli. E comunque le voci di mercato non mi distraggono. Hanno scritto che sarei stato cena con dirigenti dello Zenit di San Pietroburgo o di altri club? Non è che se ogni volta che vado a cena devo giustificare con chi sono, comunque nessuno in società mi ha chiesto spiegazioni. Piuttosto conosco bene il sistema del calcio e questi momenti di speculazione. Io ho un contratto – ha ribadito il tecnico viola -, non ho bisogno di parlare di questo, il presidente ha già detto pubblicamente che vorrebbe continuare a lavorare assieme. Il fatto è che quando i risultati non sono dei migliori si specula su tutto. In ogni caso, oggi io sono l’allenatore della Fiorentina e sono molto concentrato su questo, le voci non mi devono distrarre, da qui alla fine ci sono ancora 21 punti disponibili, dobbiamo tornare a vincere, a divertirci e a ritrovarci, tutte le mie energie sono su questo obiettivo».

Andrea Della Valle mercoledì dovrebbe essere a Firenze per la presentazione delle maglie

Andrea Della Valle

DELLA VALLE – A chi gli ha ricordato la volontà espressa da Andrea Della Valle, sabato scorso, di aprire un ciclo con lui, l’allenatore portoghese ha risposto: «Non esiste il futuro senza il presente, per questo conta e parlo solo del presente. Noi allenatori viviamo dei risultati, basti vedere che come sono venuti a mancare negli ultimi tempi i media hanno messo in discussione tutto quello che io e la squadra avevamo fatto. Dunque conta solo il presente fermo restando che tra me e la società i rapporti sono sempre stati chiari».

Nikola Kalinic

Nikola Kalinic

KALINIC – Rispetto all’ultimo match, con la Sampdoria, torna a disposizione Kalinic che ha smaltito la squalifica ed è recuperato Badelj
regolarmente tra i 20 convocati, probabile rilancio dal 1′ di Bernardeschi reduce dalla panchina contro la Samp, ancora out
per infortunio Mati Fernandez. Riguardo all’Empoli, che non vince dal 10 gennaio,  il derby è atteso ma non troppo, complice una prevendita da parte viola non troppo calda, a causa di prezzi ritenuti esosi da parte del pubblico fiorentino rispetto alla qualità del settore ospiti del Castellani. Ma con i quasi 7.000 abbonati empolesi, lo stadio avrà comunque un bel colpo d’occhio da 10.000 persone.

Marco Giampaolo, allenatore dell'Empoli

Marco Giampaolo, allenatore dell’Empoli

GIAMPAOLO – In campo possibili problemi per Marco Giampaolo. Il tecnico azzurro ha annunciato l’assenza di Andrea Costa in difesa: il centrale ha avuto l’influenza e non è stato nemmeno convocato. Sembrava dovesse essere Ariaudo il suo sostituto, invece giocherà Cosi, come anticipato dal tecnico.  Giampaolo dice: «E’ sempre una gara particolare, sarebbe un guaio se non la sentissimo così. Dovremo avere spirito di appartenenza. Oltre a questo dobbiamo avere la consapevolezza di giocarla attraverso le nostre caratteristiche. Non dobbiamo snaturarci. Di motivazioni per fare bene ce ne sono tante e la salvezza è sicuramente una di quelle. E’ l’opportunità per blindare questo risultato, ma anche per dare una gioia al nostro pubblico. La posta in palio è alta. Vogliamo far bene, la vittoria ci manca
da molto tempo, anche se le prestazioni ci sono state, anche sabato scorso con la Juve».

Tag:, , , , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.