Le interviste di Empoli-Fiorentina

Sousa: «Normale che ci fosse il ds dello Zenit». Corsi: «A Firenze più belli e più ricchi, ma li abbiamo battuti»

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Pucciarelli, autore del primo gol empolese

Pucciarelli, autore del primo gol empolese

EMPOLI – C’era anche il ds dello Zenit San Pietroburgo, Henk Van Stee, a seguire il derby di Toscana. Ma Paulo Sousa, reduce da una delle più brucianti sconfitte della Fiorentina in questo campionato, minimizza: «E’ normale, ci sono sempre direttori sportivi allo stadio, ma le voci di questi giorni non ci hanno distratto», conclude il tecnico della Fiorentina, che a fine partita ha tenuto a rapporto la sua squadra per 20 minuti, a testimonianza di quanto sia pesante l’atmosfera in casa viola. Poi si è presentato a taccuini e microfoni: «L’approccio alla gara era stato molto positivo, giusto e infatti abbiamo avuto diverse palle gol, ma loro hanno segnato al primo tiro in
porta. Ci abbiamo provato, ci è mancata la rete. Dopo il loro vantaggio abbiamo provato a spingere, con un buon atteggiamento, ma non siamo riusciti a ottenere nulla. Non abbiamo fatto abbastanza per recuperare. Le voci? Non ci hanno distratto».

Paulo Sousa e l'allenatore dell'Empoli, Marco Giampaolo

Paulo Sousa e l’allenatore dell’Empoli, Marco Giampaolo

Quanto alla presenza di Henk van Stee, ds dello Zenit, Sousa ripete: «Non bisogna approfondire, è normale. Sono preoccupato per i
risultati, Della Valle ha confermato di voler proseguire il rapporto con me. Ora vogliamo tornare a vincere, come facevamo
nella prima parte di stagione». Tutto qui. Non è molto dopo una sberla di queste dimensioni e un salto indietro in classifica che rischia di compromettere una stagione che, almeno fino a fine febbraio, sembrava assai gonfia di soddisfazioni. Ora comincia una settimana difficile, da gestire con attenzione. I tifosi viola sono molto delusi. Andrea Della Valle dovrebbe intervenire in prima persona.

Il tecnico dell’Empoli, Marco Giampaolo, è al settimo cielo. Dice: “Siamo tornati al successo avvicinando la salvezza, e in più abbiamo ragalato un’emozione nel derby ai tifosi, a maggior ragione contro una squadra tecnica come la Fiorentina. Abbiamo saputo soffrire. Nel
girone di ritorno abbiamo avuto tanti problemi, anche le voci di mercato hanno influito. Ma oggi c’erano tantissime motivazioni.
Oggi applaudo Pucciarelli e Maccarone». Il quale chiude: «Siamo nella storia, questo gruppo lo merita». La vittoria dell’Empoli contro la Fiorentina è un evento che fa impazzire. Il presidente azzurro Fabrizio Corsi, soddisfattissimo per un successo che mancava da quasi 20 anni in assoluto, da quasi 30 in casa, la spiega così: «A Firenze sono più ricchi, più alti e più belli, batterli ci regala una grande gioia perché noi siamo il brutto anatroccolo. Magari li ribattiamo tra 20 anni. Intanto ci godiamo questo momento».

 

 

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.