Il cliente stavolta ha avuto ragione

Tariffe dell’acqua: dopo le proteste, Publiacqua fa marcia indietro. Annullata la bolletta stratosferica

di Redazione - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa

publiacqua

FIRENZE – Abbiamo più volte segnalato gli aumenti stratosferici nelle tariffe e nelle bollette di elettricità, acqua, gas ecc. che costituiscono vere e proprie tasse occulte a carico dei cittadini. Un nostro lettore ci aveva segnalato quindi di aver ricevuto da Publiacqua una bolletta anomala, che riportava consumi 30 volte superiori a quelli abituali e una cifra da pagare dieci volte superiore alla media. Abbiamo pobblicato, in forma anonima, la sua segnalazione .

Il solerte lettore, prima di rivolgersi alla magistratura come sarebbe stato nelle sue possibilità, ha agito nei confronti della società, chiedendo a Publiacqua di spiegare come mai il consumo presunto e la fattura di stima avevano avuto un’esplosione siffatta (da 1 mc all’anno a 30 mc per tre mesi e da circa 10 euro a 114 euro) a tutto vantaggio della Società, che intanto avrebbe acquisito un introito su consumi presunti (molto presunti) pari a quelli statisticamente prevedibili, per quell’utente, per i prossimi 30 anni.

Il reclamo prontamente inviato dall’utente ha  avuto, celermente, esito positivo: Publiacqua ha sostanzialmente riconosciuto di essersi sbagliata. Procedendo,  come da segnalazione del cliente,  ad annullare la fattura e al suo ricalcolo, azzerando il consumo.

Rendiamo merito alla Società di aver immediatamente rimediato all’errore, ma resta sempre il dubbio che errori di questo tipo ne vengano commessi diversi e che le società che gestiscono questi servizi (non solo Publiacqua) confidino nella poca esperienza dei consumatori e lucrino (questo sicuramente) sulla prassi dei consumi presunti, incassando in anticipo somme complessivamente esorbitanti (tenuto conto del numero vastissimo di utenti) con i conseguenti cospicui interessi sui conti delle aziende.

Si tratta di una prassi da cambiare, e i tentativi delle varie autorità per l’energia non hanno avuto finora esiti particolarmente pregnanti. Occorrerebbe un intervento politico, ma dubitiamo che questo Governo voglia intervenire in materia. Anche perché, tanto per citare un esempio, ha affidato a Enel la riscossione, contestata e ancora per niente chiara, del canone Rai in bolletta.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.