Circa 200 in corteo questa mattina davanti alla sede

Arezzo, Banca Etruria: gli obbligazionisti lanciano uova contro la sede dell’istituto

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

 

Banca Etruria, manifestazione ad Arezzo

AREZZO  – Circa 200 ex obbligazionisti di Banca Etruria hanno partecipato ad un corteo, conclusosi con un lancio di uova contro la sede dell’istituto dopo aver attraversato stamani il centro di Arezzo contro il decreto salvabanche e protestando, è stato spiegato dagli organizzatori, contro le continue docce fredde sulle possibilità o meno di essere ristorati delle loro perdite. Tanti i cartelli e gli slogan contro il Pd, il governo, lo stesso premier Matteo Renzi ed il ministro delle riforme Maria Elena Boschi. Appuntamento per tutti davanti al Duomo di Arezzo convocato da Federconsumatori e dal Comitato contro il salva-banche: Anche la chiesa dovrebbe stare dalla parte dei più poveri, ha commentato uno degli organizzatori.

In una nota il Comitato Vittime del Salvabanche afferma: «Qualcuno si dovrebbe vergognare di tutto questo. Lunedì prossimo verranno regalati ulteriori 800 milioni alle nuove quattro banche, mentre rimborseranno solo l’8% dei risparmiatori coinvolti e solo per piccoli importi. Tutti gli altri (9.500) dovranno subire un lungo burocratico percorso di arbitrato, senza nessuna certezza. Addirittura 2.000 persone sono escluse pure dal potere accedere a questo processo (i clienti di altre banche). Certamente nulla anche agli azionisti, 100.000 persone. Al di là dei toni trionfanti e propagandistici con cui ci stanno già presentando questa misura – prosegue la nota – la verità è un’altra: siamo e rimaniamo gli unici azzerati nel risparmio bancario nella storia della repubblica Italiana. Il tutto poi nello stesso giorno in cui si fa nascere il fondo Atlante ove confluiranno i crediti deteriorati delle banche al valore del 40%, quando gli stessi crediti delle nostre banche li hanno valutati al 17% distruggendo così i nostri risparmi solo ed esclusivamente perché hanno usato due pesi e due misure.»

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.