Non basta il gol di Zarate (il migliore dei viola)

Fiorentina battuta anche dall’Udinese: 2-1. Sbagliano tutti: compreso Paulo Sousa. Pagelle (Foto)

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Sport, Top News

Stampa Stampa
Il gol di Zarate, che regala il momentaneo pareggio alla Fiorentina

Il gol di Zarate, che regala il momentaneo pareggio alla Fiorentina

UDINE – Nella partita da vincere a tutti i costi, la Fiorentina manca clamorosamente l’obiettivo. Ancora una volta. Così perde l’occasione per scavalcare l’Inter e vede ormai lontanissima una Roma trascinata alla vittoria da Totti negli ultimi spiccioli della partita con il Torino. Così il nostro conterraneo Luciano Spalletti avrà nuovi grattacapi. Problemi suoi. Perché qui ci tocca raccontare, per l’ennesima volta in questo girone di ritorno, di una Fiorentina pasticciona, capace di sbagliare tanto, anche con i giocatori che hanno una valutazione meno peggiore degli altri: Zarate e Ilicic. La difesa un pianto dirotto: prima si è fatta infilzare con ingenuità (di Gonzalo Rodriguez) da Zapata quando non era passato nemmeno il secondo minuto di gioco. Poi ha replicato con un’altra sbadataggine sul raddoppio di Thereau: Bernardeschi perde la palla, Badu recupera e verticalizza sulla destra per Widmer, cross per Thereau che insacca di prima intenzione. Non basta: l’Udinese ha anche colpito due volte volte la traversa. Significa che non è stata a guardare. Ha vinto facendo un bel passo verso la salvezza. Ha pressato e attaccato, costringendo i viola a non fare sfoggio del famoso possesso palla. Ma fra gli errori dobbiamo inserire anche quello, stavolta madornale, di Paulo Sousa: che, all’inizio, ha lasciato fuori Kalinic, Ilicic e Borja Valero. Poi frettolosamente mandati in campo nella ripresa a frittata fatta. Perché questa scelta? La sensazione è che l’allenatore volesse risparmiare i migliori, soprattutto Borja, in vista della partita con la Juve.  Smentendo se stesso: infatti aveva detto che prima di pensare alla Juve c’era da pensare all’Udinese. Così non è stato. E ora quella che dovrebbe essere la partita dell’anno si trasforma in un patetico tentativo di battere i di nuovo campioni d’Italia per far sembrare meno amaro il finale di una stagione che avrebbe potuto essere ben più sfavillante della misera rincorsa al quarto posto. Con un’Inter per nulla inarrestabile. Brutta Fiorentina. Ancora una volta. Lo spettro dei preliminari di Champions da giocare a luglio, a ridosso dell’Europeo, è tutt’altro che lontano.

La difesa della Fiorentina, ancora una volta, ha sbagliato troppo

La difesa della Fiorentina, ancora una volta, ha sbagliato troppo

ZAPATA –  L’Udinese si porta in vantaggio dopo appena due minuti, sfruttando il primo tiro dalla bandierina dell’incontro. Zapata svetta di testa in area e supera Tatarusanu. La Fiorentina cresce con il passare dei minuti. Ma a centrocampo si nota l’assenza di Borja. Zarate, il più intraprendente,  pareggia al 24′: gran traversone di Tomovic in area. L’argentino vince il duello con Karnezis alla seconda stoccata, ribattendo in rete la prima respinta del portiere greco sul suo colpo di testa. Il gioco viola trova vantaggio dal gol, ma è l’Udinese a sfiorare in almeno due occasioni il gol del raddoppio. Due come i legni colpiti dai friulani. Al 37′  traversa di Badu che dalla distanza tenta di sorprendere Tatarusanu fuori dai pali. Al 46′ è Thereau che centra la seconda traversa sugli sviluppi di un altro calcio d’angolo per i bianconeri.

Il secondo gol dell'Udinese, segnato da Thereau

Il secondo gol dell’Udinese, segnato da Thereau

THEREAU – La ripresa si apre di nuovo all’insegna dell’Udinese che, come anticipato alla vigilia dal tecnico De Canio, vuole essere artefice principale della sua rincorsa salvezza. Passano 8′ di gioco dall’intervallo. Bernardeschi perde malamente il pallone, recuperato da Badu che lancia Widmer, il quale scappa in velocità sulla destra da dove calibra un cross a centro area per  Thereau. Il francese brucia sul tempo Tomovic e con un tiro a giro fa secco il portiere viola. Sousa prova a cambiare marcia al suo centrocampo, con una doppia sostituzione. Fuori Vecino e un Bernardeschi sottotono, dentro Borja Valero e Kalinic. Ma è ancora l’Udinese, tutta grinta e cuore, a sfiorare il colpo del possibile ko. Lo fallisce Zapata al 22′. Lanciato sul filo del fuorigioco da un lancio lungo a scavalcare il
centrocampo, il centravanti colombiano si porta a tu per tu con Tatarusanu, ma angola troppo il diagonale e la palla si spegne sul fondo. La risposta viola sta ancora in un cambio. Fuori
Tello, poco incisivo; dentro Ilicic, che sfiora subito il palo alla sinistra di Karnezis su punizione dalla distanza. L’unico squillo viola di una serata stonatissima. E ora la Juve. Ma quale sarà, domenica sera, l’umore del Franchi con una squadra così deludente?

Udinese – Fiorentina

Udinese (3-5-2) Fiorentina (3-4-2-1) 
Karnezis6,5Tatarusanu5,5
Wague6,5Roncaglia5
Danilo6Gonzalo Rodriguez5,5
Heurtaux6,5Tomovic6
Widmer6Bernardeschi (nel st dal 16' Kalinic, 6)5
Badu6Badelj6
Kuzmanovic (nel st dal 46' Domizzi, sv)6,5Vecino (nel st dal 16' Borja Valero, 6)5,5
Bruno Fernandes (nel st dal 33' Halfredsson, sv)6Alonso6
Ali Adnan6,5Blaszczykowski5,5
Thereau (nel st dal 38' Matos, sv)7Zarate7
Zapata6,5Tello (nel st dal 27' Ilicic, 6)5,5
All.: Luigi De Canio6,5All.: Paulo Sousa5
Arbitro:Massa di Imperia5,5
Marcatori:nel pt al 2' Zapata e al 24' Zarate; nel st all'8 Thereau
NoteAmmoniti: Tomovic, Badelj, Ali Adnan, Roncaglia, Bruno Fernandes, Alonso

Tag:, ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.