La decisione che riguarda il nostro Paese potrebbe essere rivista

Migranti: la Ue si appresta ad autorizzare la proroga del blocco delle frontiere intracomunitarie. Ma non fra l’Austria e l’Italia

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

controlli

BRUXELLES – Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia potranno estendere i controlli alle loro frontiere interne fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici. Ad esempio, per la Germania quelli con l’Austria, mentre per l’Austria quelli con Ungheria e Slovenia (quindi non con l’Italia), poiché l’iniziativa è strettamente legata ai buchi persistenti nella gestione greca delle frontiere esterne e alla rotta dei Balcani occidentali.

Domani 4 maggio Bruxelles, sulla base di un articolo del Codice Schengen mai usato prima, pubblicherà una raccomandazione al Consiglio europeo con cui motiva il suo ok. Il documento, che dovrà essere adottato dal Consiglio Ue a maggioranza qualificata entro il 13 maggio, lascia però aperte due possibilità. Nell’eventualità si dovesse osservare una modifica dei flussi dalla Grecia, ad esempio, attraverso l’Italia, i Paesi potranno chiedere di modificare i confini interni oggetto dei loro controlli.

Se invece si constatasse che si tratta di nuovi flussi, ad esempio dall’Africa sub-sahariana, i Paesi potranno ripartire con i ‘check’ sulla base legale ordinaria, e avere così otto mesi a disposizione.

«Farò tutto quello che un ministro deve fare e può fare nei limiti delle forze di un singolo Stato per gestire al meglio quella che è una situazione mondiale, non solo italiana e men che meno europea», ha avvertito il ministro dell’Interno Angelino Alfano, parlando della situazione ai valichi e annunciando sopralluoghi al Brennero, a Ventimiglia e in Albania. Gli ha fatto eco il ministro della Difesa tedesco Ursula von der Leyen: la soluzione al problema della difesa delle frontiere esterne dell’Ue deve essere trovata insieme in Europa, ha detto, e, per quanto riguarda la frontiera meridionale, insieme all’Italia.

Nella roadmap ‘back to Schengen’ Bruxelles aveva già previsto una raccomandazione per permettere l’estensione dei controlli alle frontiere interne, da presentare al più tardi entro il 12 maggio. Su questo c’è una decisione già per mercoledì prossimo, ha spiegato la portavoce dell’esecutivo comunitario Mina Andreeva, evidenziando che la lettera di Germania, Austria, Francia, Belgio, Svezia e Danimarca è in linea ed è a sostegno della tabella di marcia che la Commissione Ue ha fissato, per tornare al normale funzionamento dello spazio Schengen, entro il 2016.

Intanto la Danimarca ha deciso di prolungare di un mese, fino al 2 giugno, i controlli alla frontiera con la Germania. Il ministro danese per l’Immigrazione, Inger Stoejberg ha giustificato la misura con la necessità di contenere il numero di profughi nel Paese. Germania e Austria invece esauriranno il tempo reso disponibile dalla base legale ordinaria, il 13 ed il 16 maggio.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.