Modificato l'accordo di Dublino

Migranti Ue: le proposte della Commissione, ripartizione obbligatoria con multe a chi non rispetta la regola

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

migranti1BRUXELLES – Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, la Commissione Ue ha presentato le sue proposte per la ripartizione, la distribuzione e l’accoglienza dei profughi all’interno dei 28 Paesi dell’Unione, a parziale modifica delle regole di Dublino, che finora hanno penalizzato solo alcuni paesi, in particolare Italia e Grecia.

Queste le regole presentate.

DUBLINO – In primis verrà riformato l’accordi di Dublino, pur lasciando la responsabilità per il trattamento delle richieste di asilo al primo Paese di ingresso, prevede un meccanismo di assegnazione correttivo, un meccanismo di equità, e la possibilità di evitare di partecipare al ricollocamento col versamento di un contributo di solidarietà da 250mila euro per profugo non accolto.

AGENZIA – Nel pacchetto di misure presentato da Bruxelles c’è anche il rafforzamento del sistema della banca dati Eurodac e la creazione di un’agenzia Ue per l’asilo, proprio per il sostegno e l’attuazione del nuovo sistema di Dublino.

* Il nuovo sistema stabilirà automaticamente quando un Paese si trova a trattare un numero sproporzionato di richieste d’asilo. La “quota di riferimento” sarà calcolata per il 50% sul Pil e l’altro 50% sulla popolazione. Se uno Stato accoglie un numero sproporzionato di persone, oltre il 150% della “quota di riferimento”, tutti i nuovi richiedenti asilo – di qualsiasi nazionalità – dopo una verifica dell’ammissibilità della domanda presentata, saranno ricollocati in Ue, finché il numero di domande non sarà ridisceso sotto il livello.

* Uno Stato membro potrà evitare di partecipare temporaneamente al ricollocamento. In tal caso, dovrà versare un contributo di solidarietà di 250.000 euro allo Stato in cui è ricollocato il richiedente del quale sarebbe stato responsabile.

* Il “meccanismo di equità” terrà conto anche degli sforzi compiuti da uno Stato membro per reinsediare persone bisognose di protezione internazionale direttamente da un Paese terzo.

* Il sistema prevede tempi più brevi per l’invio delle richieste di trasferimento, per le risposte e per l’esecuzione dei trasferimenti dei richiedenti asilo. Inoltre scoraggia abusi e movimenti secondari con obblighi giuridici più chiari per i

richiedenti asilo, compreso il dovere di restare nello Stato membro competente per la richiesta, limiti geografici alla fornitura di benefici materiali legati all’accoglienza e conseguenze proporzionate in caso di violazioni.

* Le norme proteggono gli interessi dei richiedenti asilo conmaggiori garanzie per i minori non accompagnati e un ampliamento equilibrato della definizione di familiari.

* Regno Unito, Irlanda (sistema opt in) e Danimarca (opt out)  non sono tenuti a prendere parte al sistema.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.