Gli è stato sequestrato anche il mezzo

Prato: cinese gestiva catering abusivo. Fermato e multato dalla Polizia stradale

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

PRATO catering da china town foto 5 maggio 2016

PRATO – Aveva organizzato, a Prato, un vero e proprio catering abusivo, ma è stato fermato ieri dalla Polizia Stradale nella zona del “Macrolotto” mentre, alla guida di un furgone, andava a preparare pasti caldi per alcune ditte del distretto manifatturiero. Anche lui, cuoco cinese di 29 anni, è rimasto impigliato nel reticolo steso dalla Polstrada sulle arterie della Toscana, nel corso dell’operazione Alto Impatto, disposto dal Servizio Polizia Stradale del Dipartimento P.S. per garantire la sicurezza del trasporto alimentare e la salute dei consumatori. Era già accaduto a due camionisti, fermati nei giorni scorsi sull’Autopalio e in Versilia, che trasportavano più di 35 quintali di alimenti surgelati, poi sequestrati dagli agenti poiché il cibo si era liquefatto a causa del cattivo funzionamento del frigo. A Prato, i poliziotti hanno rinvenuto nel mezzo frutta, uova, focacce, pizze, cotiche di maiale e persino bombole del gas. Il cinese aveva l’occorrente per cucinare, senza curarsi delle più elementari regole sulla conservazione e preparazione di alimenti. Nel furgone c’erano anche sacchi di immondizia e la Polstrada ha accertato che all’interno l’igiene era solo un optional.

E’ stato sanzionato con multa di  9.000 euro per le violazioni sanitarie, sequestro del mezzo e distruzione del cibo.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.