Si temono incidenti come quelli del 24 aprile

Brennero: manifestazione di anarchici per abbattere le frontiere. Ingente lo schieramento di polizia austriaca

di Paolo Padoin - - Cronaca

Stampa Stampa

brennero-24-aprile._rsz

BRENNERO – Un ingente spiegamento di forze dell’ordine (un migliaio gli agenti schierati tra l’Austria e l’Italia sul confine) attende al valico del Brennero i partecipanti ad una manifestazione promossa sul web da circoli anarchici del Trentino Alto Adige. Come riporta oggi la stampa austriaca, i gendarmi schiereranno centinaia di uomini, coadiuvati anche da due mezzi blindati dotati di idranti. Centinaia di anarchici infatti stanno salendo in treno (ma non solo) verso il confine del Brennero, e alle 14.30 cercheranno di “abbattere le frontiere” come hanno proposto fin dal titolo del loro messaggio d’invito. Per evitare incidenti, pare che ai manifestanti, in arrivo da ogni parte d’Europa, venga permesso di portarsi di qualche metro oltre il confine di Stato, come atto simbolico. Ma se andranno oltre, Vienna ha fatto sapere che la reazione sarà pesante. Il corteo si muoverà dalla stazione ferroviaria del Brennero verso la frontiera. I volantini che sono stati distribuiti per l’occasione raffigurano significativamente un militante con una mazza.

Anche da parte italiana la sicurezza viene garantita da un apparato messo a punto dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. L’appuntamento è stato dato per le 14.30 davanti alla stazione ferroviaria del paesino di Brennero, da dove i manifestanti dovrebbero proseguire verso il confine con l’Austria ed oltre. In un volantino, sul quale è raffigurato un militante con una mazza, si chiede l’abbattimento dei confini.

Alla manifestazione potrebbero partecipare anche militanti provenienti da altri paesi europei, dato che gli appelli a prendere parte alla manifestazione sono stati diffusi sui social media in tutta Europa.

Due settimane fa al Brennero si era svolta l’ultima manifestazione dei “no borders”, che si battono, appunto, contro i controlli che l’Austria prevede di istituire al confine sul flusso dei migranti. In quell’occasione era stato fermato per un breve tempo un militante dei centri sociali di Bologna, che venne successivamente rilasciato. Un mese fa, sempre in occasione di una analoga manifestazione al valico italo – austriaco, i manifestanti erano venuti in contatto con i gendarmi austriaci e ne era nata una scaramuccia con i poliziotti che avevano usato gli spray urticanti per respingere i militanti.

 

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.