Un sondaggio fra i cittadini di 8 Paesi, compresa l'Italia

Unione europea: dopo Brexit, ci sarà Italexit, lo afferma il Telegraph di Londra

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa

big_ben_londra

LONDRA – La Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, alimenterebbe ulteriormente la disunione europea e potrebbe portare altri Paesi fuori dall’Unione. Italia compresa. L’allarme è lanciato dal Telegraph, sulle basi di un nuovo sondaggio che individua proprio il nostro Paese, oltre alla Francia, tra quelli maggiormente a rischio di farsi contagiare dalla tentazione di lasciare la casa europea. Secondo un rilevamento Ipos Mori, ben oltre il 50% degli italiani e dei francesi vorrebbe un referendum sulla possibilità di abbandonare il club dei 28 e di questi, in particolare in Italia, la metà voterebbe per uscire dall’Ue. Insomma: c’è il pericolo di una Italexit? Il quotidiano britannico sostiene che sì, non è da escludere, anzi.Il sondaggio è stato realizzato intervistando oltre 6.000 persone in Belgio, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Polonia, Spagna e Svezia. E, argomenta il Telegraph, probabilmente susciterà ulteriori preoccupazioni a Bruxelles, dove molti leader dovranno temere ancora di più di ora un clima di disunione già presente, a causa delle crisi dell’eurozona e dei rifugiati.

Le interviste sono state condotte tra il 25 marzo e l’8 aprile, subito dopo l’accordo con la Turchia per il rientro sul suo territorio dei migranti approdati in Grecia: patto ora in bilico, dopo le dimissioni del premier turco Ahmet Davutoglu, ma che se andrà in porto porterà ad Ankara 6 miliardi di euro e la liberalizzazione del regime di visti.Tra gli italiani consultati, il 58% chiede un referendum sulla possibilità di uscire dall’Ue se il 23 giugno la maggioranza dei britannici voterà per la Brexit e di questi il 48% si dice intenzionato a votare per una “Italexit”, per portare fuori il nostro Paese dall’Unione.

Le  percentuali sono del 55% e 41% in Francia. Molto più cauti i tedeschi (solo il 34% vorrebbe poter votare sull’opzione ‘fuori dall’Ue’ e di questi il 34% sceglierebbe la fuoriuscita della Germania) e gli spagnoli (40% e 26% rispettivamente). In un separato articolo a commento del sondaggio, definito devastante, l’editorialista Ambrose Evans-Pritchard, osserva che 10 anni fa l’idea di un 48% di italiani in fuga dall’Europa sarebbe stata messa a tacere da una risata. E chiama in causa Giacomo Leopardi contro la diffusa teoria che in Italia non esista “il senso della nazione”, sostenendo che l’Italia, però, sta vivendo ora un suo risorgimento. L’autore promette per i prossimi giorni un articolo sugli effetti traumatici dell’unione monetaria sull’Italia.

Attendiamo con curiosità queste nuove rivelazioni sul nostro paese, così come aspettiamo le sdegnate reazioni dei nostri europeisti a tutti i costi, come l’ex Capo dello Stato, ‘Re Giorgio’ Napolitano, la Presidente della Camera Luisa Boldrini, il premier Matteo Renzi ecc.. Ma forse una buona parte degli italiani comincia a pensarla diversamente.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.