Le opposizioni annunciano un referendum abrogativo della legge

Unioni civili: Boeri afferma che la reversibilità, in questo caso, è sostenibile. Dopo che si era ipotizzato di toglierla alle vedove

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

unioni civili

ROMA – Le conseguenze sui conti Inps dell’estensione della reversibilità delle pensioni le ha già valutate il Presidente dell’Inps, Tito Boeri: «C’è un impatto sui conti, ed è inevitabile che ci sia, ma è nell’ordine di qualche centinaio di milioni di euro ed è quindi sostenibile».  Dichiarazioni che costituiscono un’approvazione implicita del provvedimento di legge contestato dal centrodestra e dai vescovi italiani.

Gli oppositori del centrodestra al provvedimento preparano una risposta unitaria. Con l’hastag “ci ricorderemo” come urlo di battaglia, l’opposizione di centrodestra – che su questo si ritrova unita con una vasta squadra di parlamentari – si costituisce in comitato e si prepara a presentare un referendum per abrogare una parte della legge delle unioni civili approvata ieri dalla Camera, appena e se il Capo dello Stato promulgherà la legge. «Noi non siamo contrari al riconoscimento dei diritti ma ricorriamo al referendum perché Renzi ci ha impedito con la fiducia di emendare e discutere la legge e noi ridiamo la parola ai cittadini che rappresentiamo».

«Chiediamo di abrogare solo alcuni articoli, in particolare quelli che creano una discriminazione tra ipotesi di convivenza tra coppie eterosessuali e quelle omosessuali», ha spiegato Gaetano Quagliariello -. Non siamo contrari a che vengano assegnati diritti alle persone e alle affettività – ma questa legge tende a creare un simil-matrimonio per poter consentire a due omosessuali di diventare genitori di figli programmati e che come tali avranno grandi problemi». Il comitato sarà presieduto da Eugenia Roccella, portavoce del primo Family Day.

Dopo lo scontro in aula si prepara quindi una battaglia politica, con il ricorso al referendum abrogativo.

Tag:,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Se questi dirigenti (malpagati) emettessero meno proclami, ci farebbero anche piacere. Un pensionato che si è strarotto.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.