Lunedì 16 maggio sosta e pedalata cicloturistica in A/1

Giro d’Italia, 9/a tappa Radda-Greve: allo sloveno Roglic la cronometro del Chianti Classico. Tormentata dalla pioggia

di Redazione - - Sport

Stampa Stampa
Lo sloveno Roglic, vincitore della cronometro del Chianti Classico, 9/a tappa del Giro d'Italia

Lo sloveno Roglic, vincitore della cronometro del Chianti Classico, 9/a tappa del Giro d’Italia

GREVE IN CHIANTI  – Lo sloveno Primoz Roglic, della Lotto-Nl, si è aggiudicato la cronometro del ‘Chianti Classico’, 9/a tappa del Giro d’Italia, da Radda in Chianti a Greve in Chianti, di 40,5 km. Il corridore sloveno ha vinto impiegando il tempo di 51′ e 45″.  Ma è stata la pioggia a farla da dominatrice. Rovinando anche le riprese televisive delle magnifiche colline del Chianti, con i filari di viti più belli del mondo.

Roglic hampreceduto di 10″ l’austriaco Matthias Brandle (Iam), secondo, e il norvegese Vegard Stake Langen (anche lui della Iam) terzo a 16″. La prova contro il tempo è stata pesantemente condizionata dalla pioggia che ha cominciato a cadere in maniera copiosa a gara in corso determinando diversi scivoloni tra i corridori. A differenza dei primi classificati, i big della classifica hanno affrontato la prova sotto l’acqua. Diverse sono state le cadute, quasi tutte nell’ultima curva prima del rettilineo finale. Particolarmente sfortunato il russo Ilnur Zakarin (Team Katusha). Secondo in classifica fino ad oggi, il russo all’intermedio aveva recuperato lo svantaggio di 23″ che lo divideva da Gianluca Brambilla ed era maglia rosa virtuale quando è caduto una prima volta.
Pochi chilometri più avanti è stato costretto a fermarsi una seconda volta per cambiare bicicletta. All’arrivo, infine, è scivolato un’altra volta nell’ultima curva prima del traguardo. Zakarin ha concluso la sua prova attardato col tempo di 55’36”, a quasi 4′ dal vincitore, lo sloveno Roglic.  Domani, 16 maggio, sosta del Giro d’Italia. E pedalata cicloturistica sull’autostrada A/1, il vecchio tracciato della Firenze-Bologna, guidata da Francesco Moser.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.