Il provvedimento del giudice Antonio Sangermano

Prato, caporalato: arrestato uno dei pachistani indagati per illecito reclutamento di extracomunitari

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

La volante della Polizia è stata allerta dai residenti dell zonaPRATO – E’ stato arrestato uno dei pakistani che erano indagati nell’inchiesta della Procura di Prato sul  caporalato. L’arresto è avvenuto nell’ambito dell’operazione “Numbar  Dar” che ha permesso di far emergere l’esistenza di un’associazione per delinquere, diretta da cittadini pakistani, finalizzata all’intermediazione illecita nel reclutamento di cittadini extracomunitari, per lo più giunti in Italia come profughi, e lo sfruttamento del lavoro nero nelle aziende vinicole del Chianti fiorentino. Le indagini hanno già portato alla notifica di 12
informazione di garanzia.

Ieri sera gli agenti della Digos, in collaborazione con gli operatori della polizia stradale di Prato, hanno dato esecuzione a un
provvedimento di fermo emesso dal sostituto procuratore Antonio Sangermano, nei confronti di uno degli indagati, un pakistano di 38
anni, residente a Prato, che è stato rintracciato nei giardini pubblici di via Carlo Marx, dove è stato arrestato e poi trasferito
nel carcere di Prato. Nel corso dell’esecuzione del fermo gli agenti hanno sequestrato documentazione utile per le indagini.

Tag:,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.