L'avvocato difensore, adesso è doverosa l'archiviazione. Ipotesi killer sta tramontando

Piombino: l’infermiera accusata di omicidio soddisfatta della sentenza del tribunale del riesame

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Infermiera arrestata lascia carcere di Pisa

PIOMBINO – La pubblicazione delle motivazioni con le quali il tribunale del riesame di Firenze, il 20 aprile scorso, scarcerò dopo 21 giorni Fausta Bonino, l’infermiera dell’ospedale di Piombino, accusata di aver causato la morte di 13 pazienti con ‘bombe’ di eparina, sono state accolte dalla donna «con grande soddisfazione. Del resto già dall’ordine di immediata scarcerazione era prevedibile una motivazione di questo genere». E’ quanto dice, due giorni dopo che il riesame ha reso le motivazioni della decisione, il suo difensore, l’avvocato Cesarina Barghini per la quale “ora è doverosa l’archiviazione” per l’infermiera. “L’idea che esista un vero e proprio killer penso che stia tramontando un po’ per tutti”, ha concluso il legale

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.