La scelta della commissione

Arezzo, Giostra del Saracino: il bozzetto di Roberto Felici sarà la base per la Lancia d’oro 2016

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
La Giostra del Saracino ad Arezzo

La Giostra del Saracino ad Arezzo

AREZZO – La 19esima edizione del concorso “Lancia d’Oro”, ideato per la realizzazione dell’impugnatura dei  trofei della Giostra del Saracino, quest’anno vede un solo vincitore. La commissione esaminatrice, riunitasi nella giornata di ieri nella sede dell’Istituzione Giostra, ha scelto per l’edizione del 4 settembre il bozzetto di Roberto Felici, opera che ha prevalso sulle 18 presentante e che sarà la base per la “Lancia d’Oro” dedicata al Beato Gregorio X, co-patrono della città di Arezzo, nella 133esima edizione della Giostra.

La commissione, composta dal sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, dal consulente storico della Giostra del Saracino, Luca Berti, dal
maestro intagliatore Francesco Conti e dei quattro rappresentanti dei quartieri Federico Biagiotti (Porta Crucifera), Zanobi Bigazzi (Porta Santo Spirito), Alessandro Dragoni (Porta del Foro) e Maria Chiara Gamurrini (Porta Sant’Andrea), ha deciso di non proclamare alcun  vincitore per l’edizione di giugno dedicata a Giuseppe Pietri, compositore di “Terra d’Arezzo“. Nessuno dei 19 bozzetti presentati, infatti, è stato ritenuto adeguato. A maggioranza la commissione ha così stabilito che  la realizzazione dell’elsa della 131esima edizione sarà di pugno del maestro intagliatore Francesco Conti, come avveniva dal 1979 al 1997. Tra le opere presentate per l’edizione di settembre la giuria ha segnalato quelli di Desirè Pasini, Giuliano Censini e G. Carlo Monteleone.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.