La frana provocata dalla rottura di un tubo dell'acquedotto

Firenze: voragine di 200m aperta sul Lungarno Torrigiani, vicino a Ponte Vecchio (fotogallery)

di Redazione - - Cronaca, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

2016-05-25-PHOTO-00000712FIRENZE – Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie, in pieno centro di Firenze. Il cedimento è avvenuto attorno alle 6.30 ed ha coinvolto una ventina di auto che erano in sosta.

2016-05-25-PHOTO-00000711Ai vigili del fuoco che sono intervenuti non risultano al momento persone coinvolte. A provocare il cedimento, secondo una prima ipotesi, una possibile azione di erosione da parte delle acque dell’Arno.

AGGIORNAMENTO delle 8:00

voragineSarebbe stata causata dalla rottura di un grosso tubo dell”acqua, secondo quanto spiegato dai vigili del fuoco, la voragine che si è aperta nell”asfalto questa mattina in lungarno Torrigiani, nel centro di Firenze, inghiottendo alcune auto in sosta. La rottura del tubo, oltre a provocare il crollo, ha causato l”allagamento della voragine sommergendo in parte le vetture cadute all”interno. Nessuna persona è rimasta coinvolta nell”accaduto. Sul posto anche polizia di Stato e municipale. Il Lungarno è chiuso al traffico.

NARDELLA – «Nessun ferito, ma solo danni: danni pesantissimi». Così il sindaco di Firenze Dario Nardella che si è recato sul luogo in cui si è aperta una voragine sul lungarno Torrigiani a Firenze, nei pressi di Ponte Vecchio. «E’ una voragine molto seria», ha aggiunto Nardella.  Vigili del fuoco e genio civile non possono escludere che lo smottamento attorno alla voragine apertasi sul lungarno a Firenze possa continuare. A dirlo è il sindaco Dario Nardella che ha anche invitato i cittadini a non usare l”auto per raggiungere la zona dell”Oltrarno in cui si è verificata la voragine. Intanto i residenti vengono contattati per spostare le auto fuori dalla zona in cui si è aperta la voragine. Verifiche anche sulla spalletta del lungarno che ha retto ma che sarebbe danneggiata

VERIFICHE – Intanto Vigili del fuoco, con polizia municipale e protezione civile sono al lavoro per evitare possibili altri crolli della strada e anche della spalletta nel tratto di lungarno a Firenze dove alle 6.14 si è verificata la voragine. Il problema, spiegano i vigili del fuoco, è l’acqua che fuoriesce dalla tubatura provocando il dilavamento del terreno e quindi l”erosione. Al lavoro c”è già un”idrovora ed un”altra è in arrivo da Prato. I pompieri a bordo di un gommone stanno compiendo verifiche in Arno.  Controlli anche nei palazzi che si
affacciano sul Lungarno Torrigiani sono stati avviati dai vigili del fuoco. Si tratta di verifiche a scopo precauzionale, è stato specificato: nessuno è stato evacuato. Vigili del fuoco e tecnici dell’acquedotto sono anche al lavoro per  chiudere la perdita legata alla rottura di un tubo: una priorità per evitare che l’erosione possa provocare altri crolli.

AGGIORNAMENTO DELLE 9,30

Due rotture, la più grave delle quali ha interessato la ”dorsale” dell’acquedotto sulla riva sinistra dell”Arno, ovvero la conduttura principale per l’Oltrarno, provocando poi la voragine che ha squassato il lungarno Torrigiani. E’ quanto spiegato dai vigili urbani e
dallo stesso sindaco Dario Nardella, che dalle 7 si è recato sul lungarno per verificare di persona la situazione. In conseguenza del primo guasto, verificatosi intorno alla mezzanotte e che avrebbe fatto saltare un tombino, il lungarno era stato anche chiuso, spiegano i vigili urbani, ed era stata avvisata Publiacqua, la società che gestisce l”acquedotto. Non viene escluso al momento che se Publiacqua ha poi chiuso l’afflusso dell”acqua per il primo guasto possa essersi verificato una “sovrappressione” su altre tubature, un “colpo d’ariete” viene chiamato, con conseguente rottura della tubazione principale.

FOTO

2016-05-25-PHOTO-000007092016-05-25-PHOTO-000007162016-05-25-PHOTO-00000715

 

 

 

 

 

2016-05-25-PHOTO-000007142016-05-25-PHOTO-000007132016-05-25-PHOTO-00000712

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.