Scarsa fiducia dei cittadini nei confronti dei governanti

Pubblica amministrazione: i dipendenti sono vecchi, mal distribuiti e sfiduciati, ma costano meno che in Francia e nel Regno Unito

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa
Dipendenti ministeriali varcano i tornelli d'ingresso a Roma in una foto d'archivio. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Dipendenti ministeriali varcano i tornelli d’ingresso a Roma

ROMA – Una ricerca di FORUM PA in occasione della 27esima edizione della Manifestazione, che si è aperta al Palazzo dei Congressi di Roma, ha confrontato lo stato del pubblico impiego in Italia Francia e Regno unito. Il risultato smentisce molti luoghi comuni sui dipendenti della pubblica amministrazione che, grazie a tagli, blocco di stipendi, blocco del turn over attuati negli ultimi 10 anni (e non quindi dal solo Governo Renzi), costano di meno e sono nettamente diminuiti di numero. Restano però molte incongruenze: infatti i dipendenti della pubblica amministrazione hanno una media di cinquantanni, sono mal distribuiti e sfiduciati. Un fattore positivo è il costo assoluto, visto che i nostri pubblici costano 7 miliardi in meno dell’anno scorso, 120 miliardi meno che in Francia e 75 miliardi meno che in UK.

VECCHI – L’indagine si è concentrata sui cambiamenti avvenuti nei tre Paesi dal 2007 a oggi. La ricerca, evidenzia diverse problematicità in Italia. Tra queste, l’invecchiamento degli impiegati,che sfiorano i 50 anni di età media e non vedono entrare giovani: quelli con meno di 35 anni erano il 10,3% nel 2011 e ora sono l’8%, contro il 25% del Regno Unito e il 27% della Francia. In più, gli impiegati sotto i 25 anni, ossia assunti direttamente dall’Università, sono praticamente assenti (0,9% e quasi tutti nelle carriere militari).

COSTI – Altro fattore rilevato dall’indagine, è la riduzione delle spese per gli stipendi dei dipendenti pubblici, che sono infatti diminuiti dai 171,6 miliardi del 2009 a 164,26 miliardi nel 2015, mentre sono cresciuti in Francia (da 254,1 a 281,7 miliardi) e in UK (da 186,7 a 238,82); la media dei Paesi UE è passata da 115,3 miliardi nel 2009 a 130 miliardi nel 2015. I dipendenti pubblici italiani non sono troppi: sono il 14,7% rispetto al totale degli occupati italiani (erano il 15,1% nel 2007) e sono in numero minore sul totale degli occupati se raffrontati agli altri Paesi (Francia 21,9%, UK 17,7%).

DISTRIBUZIONE – Sono però mal distribuiti: si passa dai 95 impiegati pubblici per 1.000 abitanti in Valle d’Aosta ai 41 in Lombardia; inoltre calano dove il numero era già basso (in Campania, -13% dal 2007 al 2014) e crescono dove erano già molto sopra la media (+10% in Trentino, dove erano già oltre 76 per 1000 abitanti).

SFIDUCIA – L’indagine riscontra, poi, un tragico tasso di sfiducia degli italiani nell’ultimo periodo: l’Eurobarometro evidenzia una fiducia del 19% verso amministrazioni locali e regionali, contro il 63% della Germania e il 45% della Francia, ed è addirittura al 16% nei confronti del Governo, seguita solo dal 13% della Spagna. Tassi però in lieve crescita, a oggi, proprio per la speranza delle riforme.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.