714 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia

Ambiente: le spiagge invase dai rifiuti, plastica, cotton fioc e mozziconi di sigarette. Un’indagine di Legambiente

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa

spiaggia-rifiuti-fiumicino-roma

Un’indagine “Beach litter”, realizzata da Legambiente, denuncia il malcostume dei frequentatori delle nostre spiagge, che lasciano sulla sabbia o sugli scogli ogni tipo di rifiuto. Sono 47 i litorali monitorati: un’area di 106.245 metri quadrati (circa 800 campi di beach volley) dove sono stati trovati 33.540 rifiuti. La media è impressionante: 714 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia.

PRODOTTI – Il prodotto più abbandonato sulle spiagge è naturalmente la plastica (76,3% degli oggetti trovati) seguita da mozziconi (7,9%), rifiuti di carta (5,5%), metallo (3,6%), vetro/ceramica (3,4%), legno (1,3%), tessili (1,2%) e gomma (0,8%). Infatti al primo posto fra i rifiuti reperiti ci sono i pezzi di plastica e polistirolo (22,3%), di dimensioni inferiori ai 50 centimetri, che costituiscono quasi un quarto dei rifiuti trovati. Secondo posto per i cotton fioc (13,2%) per un totale di 4412 pezzi, diretta conseguenza della scorretta abitudine di «smaltire» questi rifiuti gettandoli nel wc e dell’inefficacia degli impianti di depurazione. Terzo posto in classifica per i mozziconi di sigaretta (7,9%): in particolare l’indagine di Legambiente ne ha contati 2642, una quantità pari al contenuto di 132 di pacchetti.

SPIAGGE – Le situazioni più critiche sono state rilevate sulla spiaggia di Coccia di Morto a Fiumicino, in prossimità della foce del Tevere, dove si accumulano i rifiuti provenienti dal fiume. Qui Legambiente ha trovato il più alto numero di rifiuti: oltre 5500 rifiuti in 100 metri. Maglia nera anche per il litorale di Olivella nel comune di Santa Flavia (Palermo), con 1252 rifiuti in 100 metri di spiaggia, circondata e sfregiata pesantemente anche da manufatti di cemento pericolanti. Importante segnalare anche le spiagge invase dai rifiuti provenienti dalla pesca, in particolare la spiaggia di Canovella de’ Zoppoli a Duino Aurisina, Trieste, dove ben il 65% dei rifiuti trovati sono riconducibili a reti di mitili e la spiaggia sul Mar Piccolo a Taranto, nei pressi del Parco Cimino (con il 44% dei rifiuti riconducibile alla pesca).

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.