Le istruzioni valide per i vari tipi di votazione

Elezioni 5 giugno,Toscana: come e quando si vota nei 26 comuni interessati

di Paolo Padoin - - Cronaca, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

elezioni

FIRENZE – Il prossimo 5 giugno, sono chiamati ad eleggere i nuovi sindaci e consigli comunali 13,4 milioni di italiani. I seggi elettorali saranno aperti dalle ore 7 alle 23 (in Friuli-Venezia Giulia dalle 8 alle 22) e gli eventuali ballottaggi sono previsti per il 19 giugno. I Comuni chiamati al voto sono 1.343, dei quali 149 con più di 15mila abitanti e 1.194 con meno. Tra questi sono 25 i capoluoghi, tra cui 7 di Regione e rispettivamente: Bologna, Milano, Roma, Torino, Trieste, Napoli e Cagliari.

Come si vota:

1) Comuni fino a 15mila abitanti

In questi Comuni si vota con una sola scheda, dove saranno indicati i nomi dei candidati sindaco e delle liste che li appoggiano. Votando il singolo sindaco, si vota quindi anche la lista che lo sostiene. Le preferenze che si possono esprimere sono 2 (un uomo e una donna oppure viceversa, pena l’annullamento della 2° preferenza) tra i candidati presenti nella lista del sindaco votato.

Nel caso specifico dei Comuni sotto i 5mila abitanti si può esprimere soltanto una preferenza e vince il candidato sindaco che ottiene il maggior numero di voti. Si va al ballottaggio in caso di parità, mentre se dovesse esserci ulteriore parità viene automaticamente scelto il candidato più anziano. Viene eletto il primo cittadino, due terzi dei seggi vanno alla lista che lo appoggia, mentre i restanti vengono ripartiti in maniera proporzionale tra le rimanenti liste.

2) Comuni con più di 15mila abitanti

Per quanto riguarda i Comuni con più di 15 mila abitanti, si vota sempre con una sola scheda, sulla quale saranno presenti i nomi dei candidati sindaco oltre ovviamente alle liste che li appoggiano.

3) Come fare a votare? I modi sono diversi:

tracciare un segno sul nome del sindaco, votando esclusivamente per il candidato e non per le liste collegate;

tracciare un segno sul simbolo di una lista, votando la lista e il candidato sindaco che appoggia;

tracciare un segno sul nome del candidato sindaco e un altro segno sul simbolo di una lista collegata;

tracciare un segno sul simbolo di una lista e un altro segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata (voto disgiunto).

Nel caso in cui si voti una lista, le preferenze che si possono esprimere sono 2 (sempre soggetti di genere diverso e appartenenti alla medesima lista). Si elegge il candidato sindaco che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi, quindi almeno il 50% più 1. Qualora nessuno dovesse superare tale soglia, i 2 candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti vanno al ballottaggio. Vince chi, al secondo turno, ottiene il maggior numero di voti.

Tessera Elettorale – Il Ministero dell’Interno ricorda che gli elettori, per poter esercitare il diritto di voto presso gli uffici elettorali di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale a carattere permanente, che ha sostituito il certificato elettorale. Al fine di agevolare il rilascio delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati gli uffici comunali saranno aperti anche nei due giorni antecedenti la data della votazione, e cioè venerdi’ 3 e sabato 4 giugno, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e domenica 5 giugno per tutta la durata delle operazioni di voto, e quindi dalle ore 7.00 alle ore 23.00.

Dove si vota in Toscana, verifica a questo link l’elenco: comuni

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.