Un piano immediato

Sanità in Toscana: task force dell’Asl centro (Firenze, Empoli, Prato, Pistoia) contro le liste d’attesa. Anche con ricorso ai privati

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Contro il taglio alle spese sanitarie, arrivano le «botteghe della salute»FIRENZE – Regione Toscana e Asl ci riprovano: il tentativo è quello di curare il male endemico della sanità toscana, ossia le liste d’attesa per visite e analisi. Come? Cercando d’incrementare l’attività ambulatoriale e di diagnostica, con prestazioni aggiuntive da parte del personale dipendente fino all”eventuale ricorso alle strutture private accreditate. E’ quanto si propone il piano straordinario, con l’istituzione di una task force, decisa dall’Asl della zona centro (Empoli, Firenze, Pistoia e Prato) per raggiungere un equilibrio tra le sempre più numerose richieste dei cittadini e la disponibilità di visite e indagini diagnostiche.

Sarà un”operazione immediata, spiega una nota della Regione, che dovrà dare i primi risultati già alla fine dell’estate 2016 da attuare, quindi, tempestivamente con azioni correttive. In questi giorni il
direttore generale Paolo Morello Marchese ha istituito una task force aziendale, con un apposito budget dedicato e disponibilità di spesa immediata sulla base delle effettive contromisure che
si renderanno necessarie per superare le criticità. La task force è coordinata dal direttore della rete ospedaliera aziendale (Luca Nardi), di cui fanno parte i direttori sanitari dei presidi ospedalieri e i responsabili aziendali della programmazione specialistica ambulatoriale e dei Cup; in pratica tutti coloro che, a vario titolo (sanitario, amministrativo, tecnico), si occupano di liste d”attesa.

Il gruppo, subito operativo, avrà il compito di monitorare costantemente (ogni 15 giorni) l”andamento delle liste di attesa n tutte le sedi di erogazione dell”Azienda Sanitaria e per prima cosa verificare se vengono rispettati i tempi per le visite specialistiche ambulatoriali e le indagini diagnostiche identificate dalla Regione (in tutto 17 visite specialistiche e 43 prestazioni diagnostiche).

Nel 2015 le Aziende Sanitarie confluite nella Asl Toscana centro per le 9 visite che devono essere assicurate entro 15 giorni (neurologia, ginecologia, cardiologia, chirurgia generale, dermatologia, ortopedia e traumatologia, otorinolaringoiatria, urologia e oculistica) hanno erogato complessivamente 410.455 prestazioni (84.534 Pistoia, 74.583, Prato, 162.883 Firenze e 88.455 Empoli); nel 75% dei casi la prenotazione è stata assicurata entro i 15 giorni; dai 16 ai 30 giorni in 8,3% dei casi e oltre i 30 giorni per il 15,7%. Relativamente alla cosiddetta diagnostica pesante (Risonanze magnetiche e Tc), sempre nel 2015, le prestazioni sono state 127.721 (29.151 a Pistoia, 25.415 a Prato, 50.894 a Firenze e 22.261 a Empoli) e garantite entro 30 giorni nel 71,5% dei .casi

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.