Il rilancio del centrodestra unito

Elezioni in Toscana, Mugnai (Forza Italia): «Abbiamo strappato al Pd Orbetello e Anghiari. Ora vogliamo Grosseto e Montevarchi»

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
Stefano Mugnai (Forza Italia)

Stefano Mugnai

FIRENZE – E’ molto soddisfatto Stefano Mugnai, coordinatore di Forza Italia in Toscana, del risultato delle elezioni amministrative: «Abbiamo strappato al Pd due comuni importanti come Orbetello e Anghiari, con candidati espressione di Forza Italia e liste civiche che vedono la presenza incisiva di nostri rappresentanti. In più, ci avviamo a ballottaggi importanti come quelli di Grosseto e Altopascio e a uno inedito come Montevarchi dove siamo forti di un primo turno che ci vede in vantaggio. E confermiamo Pontremoli e Capraia Isola, e andiamo al ballottaggio come centrodestra a Cascina, dove la candidata è espressione della Lega Nord ma Forza Italia ha suoi candidati in consiglio comunale».

E ancora: «In generale  si rileva che in Toscana la tenzone politica è tra centrodestra e centrosinistra. Qui il Movimento 5 Stelle è un terzo polo che cambia il quadro, certo, ma poi ai fini della
scelta del sindaco non conquista posizioni”. Per Mugnai,  il centrodestra in Toscana si dimostra competitivo, soprattutto laddove Forza Italia ha un ruolo ”pesante”, al netto della presenza di liste civiche con le quali comunque portiamo nei consigli comunali ampia rappresentanza di centrodestra. A Grosseto,  sempre secondo Mugnai, «c’era un’amministrazione a guida centrosinistra. I dati dicono che a Mascagni, che è il candidato dell’asse Pd-Ala, qualcosa ha fatto male. Come centrodestra, invece, abbiamo espresso un ottimo candidato in maniera unitaria, e da molto tempo prima delle elezioni». Secondo il coordinatore azzurro, «in questo ultimo anno, dopo la fuoriscita di Ala, anche in Toscana abbiamo ricostruito il partito e formato una nuova classe dirigente. Di là c’è una classe dirigente che ha avuto successo perché seduta sul carro dei vincenti di Renzi. Noi invece il carro ce lo siamo dovuti conquistare e quando lo abbiamo conquistato lo abbiamo trovato senza più ruote e
cavalli. Abbiamo dovuto formare nuova classe dirigente e i risultati di questo ultimo anno sono il frutto di questa nuova, preparatissima dirigenza».

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.