Brillante operazione della Questura fiorentina

Firenze: Polizia arresta presunti rapinatori della Coop ( 2 video) di via Carlo del Prete. Accusati di rapina a mano armata e sequestro di persona

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

polizia

FIRENZE – La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Firenze su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di due italiani, di 39 e 35 anni, ritenuti responsabili dei reati di rapina a mano armata e sequestro di persona consumati all’interno della Coop di Firenze, in Via Carlo del Prete.

La sera del 7 giugno 2014 i due rapinatori, dopo essersi introdotti nel centro commerciale pochi minuti prima della chiusura, armarti di pistola hanno minacciato una guardia giurata e con del nastro adesivo l’hanno imbavagliata ed immobilizzata legandole polsi e caviglie. Raggiunti gli uffici, hanno rinchiuso in una stanza due dipendenti, costringendo una terza ad aprire la cassaforte. Subito dopo si sono dati alla fuga con un bottino di circa 30.000 euro.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Firenze, si sono immediatamente focalizzate sul modus operandi adottato dai rapinatori e su taluni particolari emersi dalla visione delle registrazioni dei circuiti di videosorveglianza cittadini e interni al centro commerciale.

Una capillare analisi dei filmati da parte degli uomini della Sezione Antirapina della Squadra Mobile ha consentito di ricostruire che gli autori del delitto hanno raggiunto la Coop a bordo di un furgone bianco, condotto da un complice, per poi scappare con il bottino a bordo di uno scooter rinvenuto, nel corso del sopralluogo, poco distante dal centro commerciale e risultato provento di furto.

Una meticolosa attività di analisi dei dati tecnici, unita ad importanti riscontri acquisiti con il puntuale lavoro del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, ha consentito non solo di individuare determinati elementi a carico degli odierni arrestati, ma anche di indagare un terzo complice attualmente in carcere perché condannato per altre rapine commesse in danno di esercizi commerciali nello scorso anno.

I tre sono indagati anche per la rapina avvenuta il 17 dicembre 2014 presso il medesimo centro commerciale.

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.